Home Cultura Ardensâr, Arvìa o Arvéja

Ardensâr, Arvìa o Arvéja

40
3

Ardensâr:

Archivio O. Cavallari  p. g. c.

Risciacquare il bucato o le stoviglie. Da noi, ove l’acquedotto è arrivato negli anni ’50, il bucato lo si andava a fare nelle fosse poco distanti dal villaggio oppure al fiume. Dopo avere tenuto in ammollo il bucato nella liscivia, dentro a la söja, si caricava il tutto sul biroccio e ci si recava alla fossa. Qui i capi venivano sciacquati, strizzati, sbattuti su una grossa pietra o sulla apposita tavola, poi rimessi nei panieri e riportati a casa per stenderli ad asciugare. Se si trattava di lenzuola o tovaglie due persone prendevano il capo agli estremi poi lo torcevano con forza.  Ardensâr o Ardensêr lo troviamo nel reggiano e nel modenese occidentale. Procedendo verso Bologna diventa Arsentêr. Nel milanese e nel veneziano è resentàr. Pare derivi dal latino Recentàre = rinnovare, fare rinascere (i colori).

 

 Arvìa, Arvéja, Reviòt

È la pianta dei piselli coltivata nell’orto. Sono buoni freschi, lessati nella minestra o come contorno. È una parola che viene da lontano e si è modificata, adattata ai tempi e ai luoghi. Qualcuno tenta di collegarle al greco Òrobos, non so con quali argomenti. Di sicuro esisteva in latino la parola Èrvum, che poi diventa Ervìlia, ed indicava appunto i piselli. Come termine scientifico è il Làthyrus odoràtus (o anche Làthyrus montànus o silvèstris). Curiosità: anche in Spagna è: Arvéja e Arvejòte.

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteA Radionova: “Il Crinale siamo Noi” di Ornella Coli. Ospiti della sesta puntata Don Giovanni Caselli e Daniela Gaspari della Casa della carità di Busana
Articolo successivoIncontro ai Mantellini di Villa Minozzo su come ottenere un buon compost per orto e giardino

3 Commenti

  1. Arvìa non è esattamente il pisello coltivato dal fiore bianco in dialetto “Arviott”, ma una sorta di pisello antico semi-selvatico dai fiori rosa-porpora ben distinto da Pisum sativum; anche i relativi semi sono molto differenti per colorazione e dimensioni. L’arvìa coincide con il legume ancora oggi coltivato in poche aree appenniniche e denominato “roveja”…

    (M.G)

  2. È vero. Però in poco spazio non potevo dilungarmi su una esposizione scientifica del prodotto. Ho pensato solo a ricordare delle parole che non usano più. Grazie comunque.

    (Savino Rabotti)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.