Dalla Sicilia all’Emilia per “campare” grazie alla truffa dello specchietto, denunciati dai Carabinieri

La truffa dello specchietto ovvero il modo truffaldino per spillare 50 o 100 euro a colpo a ingenui automobilisti si riaffaccia nel reggiano. Il trucco è sempre lo stesso: l’inganno solitamente viene architettato in una strada  o in un parcheggio. Un tizio, solitamente accompagnato da un compare, individua un’auto e appena la preda è passata a fianco della sua vettura o durante la manovra in un parcheggio gli va dietro fino a fermarlo accusandolo di avergli rotto lo specchietto o ammaccato l’auto.

A volte simulando l’urto con il lancio di un oggetto sulla fiancata dell’auto del malcapitato.

È quanto accaduto a una pensionata 80enne di Toano incappata, lungo SP486 R del comune di Baiso, nei due truffatori che sono risusciti a spillarle 40 euro a titolo di risarcimento per lo specchietto rotto.

In particolare la donna mentre alla guida della sua Panda percorreva la SP 486R giunta in località Muraglione di Baiso sentiva un colpo senza dar peso alla cosa. Giunta nei pressi del parcheggio di una macelleria veniva raggiunta da un’autovettura. Dall’auto scendeva un uomo ed una donna che lamentavano la rottura dello specchietto causata poco prima chiedendo per la soluzione in via bonaria del danno il risarcimento quantificato in 450 euro.

Vista l’insistenza e non disponendo dell’intero contante la donna, pur nella convinzione di non aver causato il danno, vista l’insistenza consegnava alla coppia 40 euro ottenuti i quali i due si dileguavano. Certo di essere stata truffata l’80enne si presentava ai carabinieri di Toano formalizzando la denuncia di truffa. Pur in assenza di elementi identificativi dell’auto in uso alla coppia di truffatori, grazie all’analisi dei filmati del sistema O.C.R. lettore ottico targhe dell’Unione Tresinaro Secchia le attenzioni investigative si indirizzavano avuto riguardo ad un’Alfa Romeo di proprietà di un 25enne siracusano peraltro gravato da precedenti di polizia specifici in tema di truffa dello specchietto. Gli ulteriori sviluppi investigativi portavano ad identificare una 22enne siracusana solito accompagnarsi al 25enne.

I due peraltro corrispondevano alla descrizione fornita dalla vittima in sede di denuncia. La prova del nove circa la loro responsabilità è stata fornita direttamente dalla vittima che in apposita seduta di individuazione fotografica riconosceva senza ombra di dubbio la coppia identificata dai carabinieri di Toano in coloro che l’avevano truffata. Alla luce di quanto accertato i due venivano denunciati alla Procura reggiana per il reato di truffa continuata.

Mentre i Carabinieri di Toano, nell’ipotesi di altri colpi compiuti dalla coppia e non segnalati, invitano tutti i cittadini incappati nei due truffatori a rivolgersi ai militari e formalizzare la denuncia l’occasione è favorevole per dare alcuni consigli e non cascare nella truffa dello specchietto. E’ importante chiedere subito la compilazione del Cid, costatazione amichevole dell’incidente stradale. A questo punto, con la scusa che va di fretta il truffatore chiederà di pagargli il danno cash. Bisogna opporsi in modo deciso e se l’imbroglione insite dire, magari, che si è in possesso di una polizza che copre i danni arrecati a terzi senza l’aumento di premio assicurativo per voi. Se continua a insistere e non molla la presa chiamare subito il 112 dei Carabinieri che come l’odierno caso vedrà i responsabili essere chiamati a rispondere del reato di truffa con la vittima che potrà essere risarcita del danno in sede processuale.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48