Il caso della svastica a Cagnola continua a far discutere. Il Comune organizza insieme a Libera un pranzo di comunità

Un atto terribile e inaccettabile è quello che si è verificato martedì mattina presso la casa di Carità di Cagnola.

Di questo parere è l’Amministrazione Comunale di Castelnovo ne' Monti: “Ho fatto visita alle suore di Cagnola - ha detto il Sindaco Enrico Bini - per esprimere la massima solidarietà e condannare totalmente gli ignoti che hanno dipinto una svastica sulla maglietta rossa del manichino, che avevano vestito sabato scorso per aderire all’appello di Libera contro le morti dei migranti nel Mediterraneo. Questo gesto rappresenta un attacco alle nostre radici etico-culturali, intrise di accoglienza e umanità. Ritengo che, in un momento storico difficile come questo, sia necessario fermare ogni manifestazione di razzismo e sensibilizzare le persone a una nuova coscienza collettiva più aperta alla solidarietà”.

Per questo l’Amministrazione Comunale di Castelnovo Monti, insieme a Libera Reggio Emilia, hanno deciso di organizzare un pranzo di comunità in programma sabato 14 luglio, alle ore 13, presso l’Oratorio di Castelnovo ne' Monti in via della Pieve.

Una iniziativa che ha proprio l’obiettivo di porre l’accento sulla condanna verso ogni tipo di violenza e pregiudizio.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. E’ ineccepibile la ferma condanna della svastica, ma una qualche parola di indignazione o presa di distanza, se non riprovazione, poteva forse essere spesa anche per la Madonnina del Cusna dipinta di rosso, specie se si pensa che il pranzo si terra’ in un Oratorio, luogo che richiama religione e fede (e dovrebbe quindi ispirare il rispetto dei suoi simboli piu’ sacri). P.B. 13.07.3018

  2. Quando si parla di radici, dovremmo comprenderle tutte, anche quelle che, insieme ai valori, una certa cultura o parte ideologica ha molto trascurato, se non decisamente osteggiato (vedi lo spirito identitario sminuito in nome del multiculturalismo).

    A mio modesto avviso, le radici non possono essere recuperate a pezzetti, riabilitando o enfatizzando solo quelle che di volta in volta ci interessano, o servono a dar sostegno e conforto alla nostra causa.

    P..B . 13.7.2018

Lascia un Commento

Devi essere registrato per inserire un commento.

Powered by WordPress | Officina48