Home Homepage Città Slow, bene così

Città Slow, bene così

3
0

Risalire la china di un Festival che, agli esordi, stupì varcò i confini regionali non è facile. Non fosse altro che, di mezzo, all'epoca c'era nientepopodimeno che Slow Food. Eppure a Felina ci si sta provando. E, ieri sera, sabato, la comunità locale ne ha dato una bella prova. Il successo lo si è visto in un afflusso di persone che, complice anche il caldo torrido delle città, è stato davvero considerevole. Ma, sicuramente, ha pagato l'idea, originale, di puntare finalmente sul locale: "Appennino - Contandino" è l'assonanza che veniva proposta lungo le vie del paese. Quindi l'impegno di tanti volontari a produrre i cibi locali, tra i quali l'immancabile scarpasun e il gnocco fritto. Il risultato? Qualche migliaio di persone è tornato ad affollare le vie del centro in un sabato davvero suggestivo dove, per altro, era possibile perdersi e cenare, senza troppa difficoltà, stando alla numerosa offerta di prodotti tipici.

Due scatti dal Città Slow a Felina

Scrive la felinese Katia Palladini sul suo profilo Facebook: "Credo non ci fosse altro paese dove poter fare e celebrare Città Slow. Felina e la sua gente ne sono l emblema: socievoli, generosi, sono una collettività operosa e impegnata nel sociale: si contano diverse associazioni, un coro foolk, diversi musicisti, una pro loco e diverse società sportive. Poi famiglie di storici norcini, e produttori di rinomati salumi, uomini capaci di comporre canzoni e spartiti senza aver fatto il conservatorio e aver tirato su una banda che conta decine di elementi e uno scrittore di commedie e poesie. Pure un illustre cardinale e un sacerdote che ha raccolto trovatelli e figli di famiglie in difficoltà per tutta la montagna dando loro un tetto amorevole e un istruzione. Un volontariato attivo e diverse cooperative storiche. Vive d'artigianato e agricoltura con un suo caseificio forte e rinomato! Il Felinese è tenace e attaccato alle sue radici e soprannomi.., col suo lento e quieto vivere. Mi piacciono questi giorni di allestimenti, con dietro i suoi mesi di organizzazione. Ci aspettano tre giorni di lavoro serrato, ma anche di sorrisi, condivisione e saper fare comunità!"

Bene così.

Articolo precedenteVilla, il sindaco Fiocchi: “La centrale a biomasse non si farà”. Vince il Comitato
Articolo successivoRaccontiam Cavolerie: quando le storie creano storie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.