Home Cultura Presentazione dei nuovi corsi Suzuky all’Istituto musicale Merulo

Presentazione dei nuovi corsi Suzuky all’Istituto musicale Merulo

3
0

Arriva anche in montagna la possibilità di avvicinarsi precocemente alla musica grazie a un percorso formativo riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo: il metodo Suzuky.

Mercoledì 3 ottobre dalle ore 17 saranno presentati i due nuovi corsi che l’Istituto Merulo avvierà da metà ottobre: il Children Music Laboratory a partire dai tre anni e i corsi di violino e violoncello a partire dai 4 anni.

Il “Children’s Music Laboratory” si prefigge in partenza di stimolare neurologicamente i bambini in maniera specifica, per attivare le capacità utili ad affrontare il mezzo strumentale nonché a sviluppare gli elementi ritmici, melodici, coordinativi, mnemonici e disciplinari. Offre inoltre ai genitori la didattica per impostare l’esercizio quotidiano che permetterà al bambino l’acquisizione di sempre maggiori abilità.

Il primo anno è perciò un anno di preparazione specifica comprendente manualità, coordinamento, disciplina, organizzazione didattica, sviluppo dell’orecchio melodico, armonico e ritmico, espressione vocale, orientamento. Per questa ragione è importante che i bambini non abbiano superato l’età prescolare, il momento più adatto è verso i 3 anni. Dal secondo anno i bambini affiancano alla lezione collettiva, anche lo studio dello strumento prescelto e proseguiranno il percorso didattico con due appuntamenti settimanali alla scuola: una lezione collettiva e una individuale.

Nel Cml (Children’s Music Laboratory), si anticipano le difficoltà pratiche e teoriche che il bambino dovrà affrontare preparandolo attraverso esercizi mirati e specifici.

Quando dopo il primo anno inizierà a suonare il bambino già conosce il repertorio perché l’ha cantato e danzato, conosce il proprio corpo perché ha eseguito giochi ed esercizi, è cosciente della motricità finalizzata alla tecnica strumentale, ha sperimentato i ritmi, ha rinforzato le dita e l’equilibrio, ha organizzato il suo lavoro a casa con la mamma o il papà.

Articolo precedenteUn incontro emozionante col lupo
Articolo successivoComitato fermare la discarica: “Poiatica formalmente non è chiusa e quindi noi riapriamo la lotta”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.