Diesel euro 4: si circola. AGGIORNAMENTO Misure anti-inquinamento – Il divieto di circolazione per i diesel euro 4 al momento è ancora in vigore

Erano i molti i montanari preoccupati di capire se e come avessero potuto continuare a circolare in città a seguito della revoca del blocco alla circolazione per i mezzi più inquinanti, a motore diesel, previsto dalla nostra Regione. Ma c'è una sostanziale novità: “La revoca allo stop sui diesel euro 4 è una decisione di buon senso e rappresenta una nostra vittoria. Da settimane chiedevamo di revocare questa misura illogica, finalmente la Regione e i comuni hanno seguito il buon senso e hanno tolto questo blocco immotivato che era stato deciso soltanto dall’Emilia-Romagna”. Gilberto Luppi, Presidente Lapam Confartigianato, commenta così la revoca del blocco ai diesel euro 4 deciso dalla Regione dopo la riunione fiume con i comuni interessati.

“Avevamo spiegato più volte come questo blocco andasse a penalizzare sia le piccole imprese che i cittadini meno abbienti e che sarebbe stato necessario far passare la logica del ‘prima gli incentivi dopo i blocchi’. Ebbene, è esattamente quello che è accaduto: dopo l’aumento degli incentivi per i veicoli commerciali, infatti, la Regione destinerà un fondo di 5 milioni di euro per incentivare la rottamazione dei veicoli euro 4 non commerciali – prosegue Luppi -. Questa vittoria è anche, se non soprattutto, nostra: siamo stati la prima associazione a esporci su questa battaglia e siamo felici che, una volta tanto, abbia vinto il buon senso”.

Per il presidente Lapam Confartigianato conclude: “Ora è necessario continuare a impegnarsi a fondo per trovare una soluzione strutturale al problema, reale e molto serio, dell’inquinamento soprattutto nel bacino della Pianura Padana”.

"E' una vittoria che la Lega porta a casa - commenta dirimpetto il capogruppo Lega Nord in Regione, Alan Fabbri - : anche se in Commissione non sono stati ammessi i nostri emendamenti, di fatto il Pd ha eseguito esattamente quello che avevamo chiesto in via istituzionale. Convincere gli amministratori non è stato facile siamo contenti che la Regione abbia deciso di fare questo passo indietro, che è un passo di buonsenso. Un successo è anche aver mosso in modo massiccio l'opinione pubblica.  Abbiamo dimostrato ancora una volta che la Lega è a fianco dei cittadini e che i cittadini sono con noi".

***

Aggiornamento ore 15.47

Misure anti-inquinamento - Il divieto di circolazione per i diesel euro 4 al momento è ancora in vigore

Si ribadisce che l’ordinanza relativa alla circolazione stradale dei mezzi, che prevede tra l’altro il blocco dei diesel euro 4 nel periodo dal 1 ottobre 2018 al-31 marzo 2019, così come dal Pair (Piano aria integrato regionale) della Regione Emilia Romagna, è tuttora in vigore.

Eventuali modifiche a questa ordinanza che possano recepire la scelta della Regione di ridurre l’efficacia dei divieti sono ancora tutte da valutare. In ogni caso non verrà fatta alcuna modifica alla situazione vigente fino al 17 ottobre, data nella quale è prevista una deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna. Qualsiasi intervento che confermi o riduca limitazioni sarà comunque coordinato con le città limitrofe.

Va quindi ricordato che ad oggi e fino a comunicazione diversa rimane in vigore il divieto di circolazione anche per gli euro 4 dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 18.30 in area urbana.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Bene o male, così aumenta ancora di più la confusione. Giusto, la revoca allo stop sui diesel euro4 è stata una decisione di buon senso! Finalmente! Però, bastava dotarsi di un buon senso ancora maggiore, quello di non fare questo blocco. Unica Regione in Italia ad averlo messo e senza nessun preavviso, dobbiamo essere i più virtuosi… Mi verrebbe da mettere una parola ma mi autocensuro. Il buon senso sarebbe anche quello di mettere i nomi, Presidente in testa e via via tutti gli altri corresponsabili, tutti così perfezionisti da ringraziare! Non entro nel merito se può essere più inquinante o meno, la benzina o il diesel o la differenza che ci può essere fra un euro in più o in meno, è un problema che lascio volentieri agli esperti, ma ricordo che pochissimi anni fa’, quando entrarono in commercio le prime auto diesel con l’euro4 e dotate di filtro FAP, sembrava la scoperta più miracolosa, la soluzione di tutti i mali e si diceva che erano meno inquinanti delle auto a benzina. Passati pochi anni e si butta via tutto! Ormai è così per tutto.
    Detto questo, l’inquinamento esiste e sicuramente va’ combattuto, ma non mi sembra questo il sistema migliore. Intanto c’è chi usa l’auto in centro tutti i giorni e tutto il giorno e c’è chi la usa una volta la settimana o anche al mese per necessità. Poi aumentano sempre di più le auto in circolazione e bisognerebbe chiedersi il perchè.
    eliobellocchi

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48