A 100 anni dalla fine della prima guerra mondiale, il 3 novembre alle ore 19, gli Alpini si ritroveranno davanti ai monumenti ai Caduti in tutta Italia

Sabato 3 novembre, alle ore 19, gli Alpini si ritroveranno davanti ai monumenti ai Caduti, in tutta Italia, per leggere una lettera del Presidente nazionale Alpini.

In alcuni paesi sono previsti gli interventi dei Sindaci e a seguire altre manifestazioni. La popolazione è invitata.

Al momento sono confermate a Castelnovo ne' Monti (Isolato Maestà), Toano (Piazza della Libertà), Casina (Piazza 4 novembre). Se ci fossero altre manifestazioni potete segnalarcele a redazione@radionova.it o al numero 3397508981.

Per commemorare i defunti, per non dimenticare, affinché il ricordo ci guidi a lavorare per la pace.

L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e
favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.
(Costituzione della Repubblica Italiana; art 11)

L'invito mandato alle varie sezioni:

Cari Presidenti,
si avvicina la fine delle celebrazioni in occasione della ricorrenza del centenario della Grande Guerra. E' stato un periodo impegnativo, che ha visto l'Associazione in prima linea sia per le iniziative intraprese sia per la presenza ai vari momenti celebrativi organizzati a tutti i livelli.
Fedeli al nostro Statuto e allo scopo del Nostro Sodalizio, abbiamo ricordato quanti, giovani italiani, hanno donato la loro vita per quel sentimento e quei valori che oggi si fa fatica ritrovare nei loro attuali coetanei.
Per ribadire quei valori, dimostrare la Nostra gratitudine a quei giovani e per ricordarLi degnamente, invito tutte le Sezioni, come abbiamo fatto molto bene in occasione del novantesimo, ad organizzare, presso i monumenti ai Caduti siti nelle municipalità di tutti i nostri Gruppi, la deposizione di una corona ai Caduti e la lettura del testo uguale per tutti, che vi verrà inviato per tempo, invitando le massime autorità del luogo: la cerimonia è prevista il giorno 3 novembre alle ore 19.00 per tutti, dimostrando in tal modo la coesione della nostra Associazione e l'unicità di intenti.
E' opportuno pertanto che informiate tempestivamente i vostri Capigruppo, onde permettere loro di prendere per tempo i dovuti accordi con le autorità locali.
Certo che saprete operare in modo che tutto funzioni alla perfezione, colgo l'occasione per inviarVi i più cordiali saluti.
Con stima e viva cordialità alpina.
(Sebastiano Favero)

La lettera che sarà letta in quella sede:

Sono passati 100 anni ma per noi Alpini e iscritti Ana il tempo non è passato se non sul calendario. per noi è come se fosse oggi, fedeli all'impegno preso da nostri vecchi e soci fondatori e inciso lì sulla Colonna Mozza dell'Ortigiana "per non dimenticare".

È con questo spirito e con questi sentimenti di memoria e di riconoscenza che siamo qui di fronte al monumento che ricorda i nostri Caduti di tutte le guerre, e con loro idealmente tutti i Caduti di ogni parte, morti nel compimento del loro dovere.

Il pensiero va a quei ragazzi e uomini di cento anni fa che hanno dato il meglio di loro stessi, tanti fino al sacrificio estremo della vita, per permettere oggi a noi di vivere in una Italia e in un modo migliore.

Tocca a noi allora saper cogliere appieno il loro messaggio, il loro grido che ci invita e sprona a costruire una società libera e in pace, fatta di persone che sappiano dialogare e condividere con atti di solidarietà i valori che loro ci hanno lasciato.

Quei valori con la famiglia, la Patria, il senso del dovere e del sacrificio, l'onestà, la millenaria civiltà cristiana, che oggi sembrano venir meno, ma che noi qui, in questo momento, ci impegniamo con forza e  decisione a portare avanti per trasmetterli alle giovani generazioni con una promessa e una richiesta che il 4 novembre torni a essere la festa nazionale per tutti gli italiani, giornata "delle Forze Armate e dell'Unità d'Italia", a memoria e riconoscenza di tutti quelli che sono "andati avanti" nel compimento del dovere.

Viva l'Italia, viva gli Alpini!

(Sebastiano Favero, presidente nazionale Associazione Nazionale Alpini)

 

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Ricordiamo anche l’articolo 52 Della Costituzione Italiana che migliaia di uomini hanno onorato durante la Grande Guerra, fino alla vittoria finale (ovviamente la Costituzione a quel tempo non era la attuale ma lo Statuto Albertino)

    Riccardo Bigoi

    Rispondi
  2. Grazie Presidente Sebastiano Favero per la sua lettera rivolta a tutti gli Italiani; poche righe ma che riassumono i grandi valori che fanno grande un Popolo, una Nazione. Lei richiama i valori di Patria, i valori dell’onestà e della millenaria civiltà Cristiana. Se un giorno, a partire da chi ci governa, alle amministrazioni, a tutti i cittadini, dal piccolo paese di montagna alle grandi città, rispolvereranno questi valori, l’Italia tornerà ad essere un faro per il mondo intero e per le giovani generazioni.

    Franzini Lino

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48