La Provincia di Reggio Emilia in lutto per la scomparsa di Massimo Prati da Gova di Villaminozzo

La Provincia di Reggio Emilia è in lutto per l’improvvisa scomparsa di Massimo Prati, spentosi questa mattina all’ospedale “Santa Maria Nuova” di Reggio dove era stato improvvisamente ricoverato un paio di mesi fa. Massimo Prati aveva 50 anni, una trentina dei quali trascorsi come sorvegliante stradale del Servizio Infrastrutture, e viveva a Gova di Villaminozzo. Da lì, appena assunto, si spostava ogni giorno per raggiungere il nucleo di Campegine, dove era stato assegnato appena assunto dalla Provincia di Reggio Emilia, seguendo le orme del padre Servilio. Dopo una dozzina d’anni ottenne il trasferimento nel Reparto Sud in Appennino, ma dal primo all’ultimo giorno di lavoro, Massimo Prati ha comunque sempre svolto le proprie mansioni con grande impegno e professionalità. “Un lavoratore modello e una bravissima persona, sempre disponibile”, lo ricordano i colleghi.

Prati lascia la sorella Paola, alla quale il presidente Giorgio Zanni ha espresso “il cordoglio mio personale e di tutta la Provincia per l’improvvisa scomparsa di una persona molta apprezzata per le sue doti umane e professionali”. I funerali di Massimo Prati si celebreranno sabato mattina, alle 10.30, a Gova di Villa Minozzo.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

6 Commenti

  1. Siamo tutti visitatori di questo tempo, di questo luogo.
    Siamo solo di passaggio.
    Il nostro scopo qui è osservare, crescere, amare…..
    Poi facciamo ritorno a casa.
    Ciao Massimo!

    La Cinzia di Gova

    Rispondi
  2. Non ci sono parole, sono in triste silenzio, 50 anni è un età assurda per andarsene, ti ricorderemo come una persona riservata, buona e gentile, non ti incontreremo più lungo la strada di Quara.

    Marilena e famiglia

    Rispondi
  3. E’ proprio vero! Sono sempre i migliori che se ne vanno per primi.
    L’uomo più bravo, buono, sincero e riconoscente (fin troppo), che io abbia mai conosciuto.
    Ciao Massimo!

    LAMPO

    Rispondi
  4. Per me è stato un onore conoscerti e lavorare con
    te Ciao Massimo

    Daniele

    Rispondi
  5. Ci abbiamo sperato tutti che riuscissi a farcela….
    Non è andata così e ora siamo tutti molto tristi.
    Piangiamo le lacrime incredule e amare che scorrono quando se ne va una persona buona.

    LUCA FIORONI

    Rispondi
  6. A Paola e famiglia porgo sentite e sincere
    condoglianze.Buon viaggio Massimo….
    Ginetta

    Ginetta

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48