Carambola all’uscita dalla galleria del Bocco: feriti

Poco dopo le 21 di ieri i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Castelnovo ne' Monti sono intervenuti lungo la statale 63 in località Bocco di Casina dove, all’altezza dell’uscita della galleria, si era verificato un incidente stradale in conseguenza del quale 4 persone rimanevano ferite in condizioni medio-gravi venendo condotte presso il S, Maria Nuova di Reggio Emilia.

Secondo una prima ricostruzione, un 23enne di Termoli alla guida di una Mercedes (con a bordo 2 passeggeri: un 54enne di Quattro Castella e un 30enne in corso di identificazione) stava percorrendo la 63 con direzione Reggio Emilia quando, all’uscita della galleria del Bocco, per cause da chiarire, finiva contro una rotatoria che gli faceva da “trampolino di lancio” facendolo finire contro un'altra autovettura (una Dacia condotta da un 57enne di Villa Minozzo) che sopraggiungeva dall’opposta corsia di percorrenza. Dopo l’impatto la Mercedes finiva su una scarpata. A seguito dell’incidente i 4 coinvolti rimanevano ferita, in condizioni di media gravità venendo trasportati a mezzo ambulanza ed elisoccorso presso il nosocomio reggiano.

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

15 Commenti

  1. Aspettiamo il morto poi si interverrà ad eliminare quella rotonda demenziale. Quasi tutte le volte che passo di lì, e succede spesso, ci sono i segni di un’auto che è salita sulla rotonda. Aspettiamo il ghiaccio poi ci sarà da preoccuparsi veramente. Non è possibile posizionare una rotonda attaccata all’uscita di una galleria

    egidio

    Rispondi
  2. Per l’ennesima volta abbiamo la dimostrazione che quella rotonda è PERICOLOSA e DEVE essere modificata (o eliminata se fossimo abbastanza intelligenti da fare un bel lavoro, ma visti i precedenti non mi aspetto tanto…).
    Io vorrei solo parlare con chi l’ha disegnata e sopratutto chi ha approvato il progetto!
    Adesso venitemi a dire che nel caso specifico la Mercedes andava troppo forte.. ok, è probabile, ma vista la frequenza di incidenti in quella rotonda mi sembra evidente che qualcosa di sbagliato ci sia, io ne ricordo almeno 5, non viene il dubbio che in poco più di un anno sia un segnale di allerta? aspettiamo il morto?

    AB

    Rispondi
  3. Quella rotonda è un pericolo costante, per chi non è del posto e non conosce la strada spesso non riesce a fermarsi allo stop.

    Un disastro!!!

    Stefano

    Rispondi
  4. Certamente d’accordo . ma se la dinamica viene confermata . certamente la velocità ……… ricordo che dobbiamo mantenere una guida che ci permetta di arrestale il veicolo nel più breve tempo e spazio possibile. siamo coerenti ormai alla guida si fa ti tutto . mettendo in secondo piano la sicurezza .

    Rispondi
  5. Capisco che sia una rotonda da sistemare, ma visto che è volato oltre, sicuramente non faceva i 50. poi sono già 2 gallerie inutili, però un po di testa a guidare.

    Andrea

    Rispondi
  6. Se siamo tutti d’accordo che quella rotonda vada eliminata, organizziamoci in modo civile per farci ascoltare. Per ribadire, già che ci siamo, che la viabilità principale è interesse di tutti e deve essere scorrevole oltre che sicura.
    I nuovi interventi sulla 63 sono tutte curve controcurve e rotonde (ed un trampolino, almeno questo spero non sia voluto) come nella variante ponte rosso. Nemmeno un rettilineo. Con tutte le curve che abbiamo già in montagna non credo ci sia proprio bisogno di costruirne altre o avere rotonde ogni 500 metri…

    Alberto Castagnini

    Rispondi
  7. Scusate ma … rispettare i limiti di velocità e’ una cosa cosi’ assurda da chiedere?! Sono certo che la maggior parte degli incidenti si eviterebbero.

    Alessandro

    Rispondi
    • Non credo sia la soluzione. Siamo parlando di una strada statale. Sarebbe come se in autostrada per evitare incidenti si chiedesse in maniera perpetua in un certo tratto di fare i 60 km orari. Poi molti limiti sono anacronistici o insensati. Chi mi conosce sa che mi diverto a cercare di rispettarli, irritando non poco chi mi sta dietro, ma lo faccio per sensibilizzare. Poi càpita che dopo l’ultima rotonda del bocco, scendendo, c’è il limite dei 70! Lì, secondo loro, proprio quando iniziano le curve fino alla Vecchia, dovremmo poter fare i 70?? Che roba…
      Quelle rotonde in discesa sono molto gravi.
      PS: quando devo spiegare i limiti delle accelerazioni centripete e la loro relazione con i raggi di curvatura e le velocità di percorrenza faccio sempre l’esempio delle rotondine carine che abbiamo sulla 63.

      Roberto

      Rispondi
    • Scusa Alessandro, proprio non capisco.
      è ovvio che se mi imponi di fare i 25Km/h, difficilmente salterò la rotonda..ma se vuoi agevolare il traffico, renderlo davvero sicuro, e ridurre i tempi di percorrenza da e per la montagna, è inammissibile creare continui ostacoli (per di più pericolosi) come stiamo vedendo negli ultimi anni.
      probabilmente non la fai molto spesso questa strada..ma ti assicuro che la soluzione vera sarebbe continuare esattamente come è stato fatto anni fa nella zona di casina, fino a ca del merlo, ovvero, strada dritta, SENZA ROTONDE, scorrevole e sicura. quello si che è stato un vero beneficio per noi montanari, non il proliferare di rotonde dal diametro ridicolo.

      AB

      Rispondi
  8. quella rotonda e pericolosa anche a velocita moderata.

    anonimo

    Rispondi
  9. La rotonda non è pericolosa ed è ben segnalata, da 2 cartelli
    con semafori lampeggianti e da rallentatori sonori.
    L’unico pericolo deriva da chi non rispetta le regole che sono fatte apposta per evitare gli incidenti.
    Io ci passo ogni giorno vado piano e non ho mai avuto problemi.
    Saluti

    Giovanni R.

    Rispondi
    • Non sono ingegnere o architetto o qualsiasi cosa serva per costruire strade.. So leggere i cartelli e so che è segnalata la rotonda e il limite è dei 70 in galleria.. Visto che tutti i giorni la faccio due volte.. Ma a scuola guida mi hanno insegnato che per affrontare una curva devo frenare nel dritto precedente e poi fare la curva.. Come posso farlo se faccio una curva prima di un incrocio? Tra l’altro in discesa? Era l’unica soluzione adottabile? Secondo me no… La strada è fatta male in quel punto.. Progettata senza pensare a tt le variabili secondo me.. Stessa cosa del pezzo nuovo fatto dalla croce ad arrivare alla zona del peep di Castelnovo.. C’è un ponte che sembra un trampolino di lancio per saltare…. Sono d’accordo su limiti di velocità e accortezza ecc ecc.. Ma sempre da una sola parte deve esserci la capacità di usare la testa? O anche da chi comanda e ha certe responsabilità deve esserci?

      Gabriele

      Rispondi
    • Caro Giovanni, vedo che ha proprio capito qual’è il problema… anch’io ci passo ogni giorno e non ho mai sorvolato la rotonda…ma NON è questo il punto della discussione!
      insistere a dire che non è una rotonda pericolosa o che è fatta bene, mi sembra proprio di voler negare l’evidenza… ci sono altre decine e decina di rotonde in giro per la provincia, ma non mi pare che abbiano la stessa frequenza di incidenti.. non può essere un caso!
      saluti

      AB

      Rispondi
  10. Scusate ma uno che scavalca una rotonda non piccola va a sbattere contro a una macchina scavalca il gardrei . Gli ritiro la patente e la rivede nella prossima vita.

    Andrea

    Rispondi
  11. Quando si può i pericoli vanno eliminati, non segnalati.
    Le rotonde sulle strade delle gallerie servono solo a creare pericolo e ingorgo al traffico

    S.C.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48