Crollo del muro di cinta del cimitero di Cagnola. AGGIORNAMENTO: macerie sgombrate e previsto intervento di somma urgenza nella settimana entrante

Già da qualche anno due transenne ed un cartello avvertivano del possibile crollo del muro di cinta del cimitero di Cagnola di Castelnovo Monti, ma la manutenzione non è mai avvenuta e finalmente il crollo si è materializzato in queste ore di fine ed inizio anno.

Ed è anche andata bene perché il muro è caduto dalla parte esterna senza causare danno alle tombe.

Ora occorrerà affrontare la questione e mettere mano ad un rifacimento che sembra necessario anche per la parte ancora in piedi.

 

AGGIORNAMENTO: intervento per la riapertura della strada comunale questa mattina a Cagnola

Nelle prime ore della mattinata di oggi è stato effettuato il sopralluogo al cimitero di Cagnola, località vicina al capoluogo in direzione Vetto, dove ieri si è verificato un crollo parziale del muro di cinta.

Il crollo, avvenendo verso l’esterno del camposanto, non ha interessato tombe presenti nella zona attigua, ma ha invece invaso con sassi e detriti la strada comunale che passa a lato del muro, che quindi era stata immediatamente transennata e chiusa al transito.

Questa mattina, i cantonieri comunali con la terna dell’Ente sono intervenuti insieme ai tecnici incaricati del sopralluogo, ed hanno liberato la sede stradale dai detriti, riaprendola al transito. È stato nuovamente transennato il lato del cimitero, e da lunedì inizierà un intervento in somma urgenza di consolidamento e ripristino sia della parte crollata che in generale dei punti del muro che evidenzieranno necessità di manutenzione. 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. La manutenzione, questa “sconosciuta”. Certo un appalto esterno ha dei vantaggi che gli stipendi degli operai comunali non hanno. Questo stato di cose va radicalmente modificato.

    Alessandro Davoli

    Rispondi
  2. Se era il muro di cinta di una concimaia avevano già crocifisso il contadino.

    Lucio

    Rispondi
  3. Qualcuno finalmente si è accorto che ci sono problemi nella manutenzione dei cimiteri! Ci voleva un crollo per porlo in evidenza? Da oltre un anno segnalo problemi inerenti il cimitero di Castelnovo, se piove forte la parte inferiore si allaga, cadono calcinacci dalle volte, dai cornicioni esterni, speriamo non cadano in testa a nessuno! Ci sono importanti infiltrazioni di acqua dai soffitti. L’ingresso principale deve essere intonacato da un anno.
    Spesso manca l’acqua, anche per interi mesi! Solo recentemente sono stati sostituiti alcuni pezzi di grondaie che mancavano totalmente e si formavano grossi blocchi di ghiaccio.
    Speriamo che ora finalmente qualcuno intervenga anche a Castelnovo!
    Credo che anche i nostri morti meritino il giusto rispetto. Il cimitero è un luogo che merita molto di più di quanto gli diamo.

    Una cittadina amareggiata

    Rispondi
  4. Al cimitero di Castelnovo non sarebbe successo.
    Delle frazioni chi se ne frega, tanto chi ci vive le tasse non le paga. Tante promesse dal sindaco Bini negli incontri dell’estate scorsa, ma fatti non se ne sono visti.
    In questi piccoli cimiteri addirittura neanche l’erba viene tosata.

    Giordano

    Rispondi
  5. Delle situazioni di alcuni cimiteri ne siamo a conoscenza. Alla cittadina amareggiata (mi aveva già segnalato i problemi del cimitero di Castelnovo) volevo dire che alcune situazioni le abbiamo risolte, sistemato le grondaie, ripristinato i rubinetti, l’intonaco sarà fatto a breve.
    Per i cimiteri, in particolare quello di Castelnovo, abbiamo stanziato 100.000,00€ per le manutenzioni. Stiamo facendo un intervento importante al cimitero di Monteduro. Per il taglio dell’erba c’è qualche ritardo, ma con 13 cimiteri nei mesi piovosi non si riesce a finire il giro dei tagli, bisogna ripartire a tagliare di nuovo. Nel 2018 abbiamo affiancato al necroforo un operaio in più per gli sfalci.
    Per noi i cimiteri sono importantissimi. Abbiamo assunto il necroforo proprio per avere una persona dedicata ai cimiteri.
    Ci scusiamo per i ritardi, ma le azioni che abbiamo intrapreso per la manutenzione dovrebbero risolvere i problemi.

    Enrico Bini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48