Domenica 20 alle 11.30 inaugura la sede della Lega per le elezioni castelnovesi

Domenica 20 gennaio, alle 11.30, si inaugura la sede del comitato elettorale Lega a Castelnovo Monti, via Vittorio Veneto 1/C, in centro storico. E’ la sede del comitato che sostiene Alessandro Rainiero Davoli (nella foto) come candidato sindaco - dall'altra parte si schiererà con il sindaco uscente, mentre è ancora incerta la presentazione della lista dei 5 Stelle - e, di fatto, segna il ritorno a Castelnovo Monti di una sede di un partito di centro destra. L'ultima fu la sede di Alleanza Nazionale, sempre nella parte storica del capoluogo. Tra gli interventi previsti, oltre a quello del candidato sindaco, quello del presidente della Commisione affari istituzionali della Camera, e segretario Lega dell'Emilia, Gianluca Vinci, il segretario provinciale della Lega, Roberto Monti, la segretaria di Forza Italia, Cristina Fantinati, il segretario di Fratelli d'Italia, Alberto Bizzocchi. Al termine dell'inaugurazione, aperta al pubblico, vin brûle’ e stuzzichini.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Era ora che si iniziasse a parlare di possibili cambiamenti, Castelnovo per rinascere può solo sperare in un cambiamento politico, questa sinistra è ora che vada a casa, spero che lo comprenderanno anche loro. Da troppo tempo la certezza di avere il potere assoluto, che a volte porta all’arroganza, ha portato all’appiattimento di tutto; in questi decenni è venuta a mancare la libera concorrenza, la lotta a fare sempre meglio, a migliorare le cose, e non a sopravvivere come sta avvenendo ora; la gente è sfiduciata, ha perso l’orgoglio di essere cittadini di questo paese, siamo diventati come dei sudditi. Siamo arrivati al punto che chi ci dovrebbe tutelare ci può impunemente togliere i servizi che altri hanno lottato per avere, e che ora, grazie a dei comitati apartitici, ci potrà essere una speranza di riottenerli. La realtà è solo una, la Lega, e il centro destra in generale, rappresentano l’unica speranza di riportare una “speranza” su queste terre, di risvegliare l’orgoglio di tanti montanari, di far comprendere a tutti l’importanza di questo paese, la sua storia e le sue origini; e ricordare a tutti che non ci sono solo gli altri ad avere bisogno di aiuti, ci sono anche tanti Italiani, che forse hanno più diritto di altri. Se la Lega amministrerà bene ok, altrimenti andrà a casa anche Lei, come ora devono andare a casa gli attuali amministratori.

    Daniele

    Rispondi
  2. A mio giudizio il primo commento tocca un tasto affatto secondario, laddove scrive che “la gente è sfiduciata, ha perso l’orgoglio di essere cittadini di questo paese”, e io auspico che questo sentimento, ossia l’orgoglio di cui parla “Daniele”, possa essere quanto prima recuperato, dopo anni di ingiusta sottovalutazione, se non di oblio, perché estraneo al pensiero del “politicamente corretto”, e altrettanto dicasi per il senso di identità e di appartenenza, e spero altresì che possa essere diffusamente riscoperta anche l’importanza dei nostri valori.

    P.B. 20.01.2018

    Rispondi
  3. Il cambiamento quindi sarebbe chi si era già presentato ad elezioni 10 anni fa, e che poi perdendole non si è neanche degnato di stare all’opposizione? Auguri gente! A casa mia si dice che è un comportamento di chi tiene solo alla poltrona, a casa vostra si chiama cambiamento. Per fortuna abito altrove e non corro il pericolo di ritrovarmelo come sindaco.

    Alex

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48