In ricordo di don Franco Ruffini

Mons. Franco Ruffini

Il sorriso, l’accoglienza, il senso dell’amicizia sono state le doti peculiari di don Franco Ruffini, che ha concluso alla Casa del clero “San Giuseppe” di Montecchio questa  mattina la sua laboriosa giornata terrena, vinto dalla malattia.

L’Azione Cattolica e la parrocchia sono state i campi privilegiati del suo ministero sacerdotale, iniziato il 29 giugno 1961 con l’ordinazione presbiterale ricevuta dal vescovo Beniamino Socche.

Assistente della gioventù femminile di Azione Cattolica dal 1968 al ’70, poi del settore adulti dal ’75 al ’78, per oltre venti anni, dal 1980 al 2001 è stato l’assistente diocesano dell’Azione Cattolica.

Il suo stile pastorale, contraddistinto da disponibilità e attenzione nel contatto personale, da chiarezza e profondità nelle omelie e nelle meditazioni, da capacità organizzative, da capacità di ascolto e di dialogo con i giovani ne ha fatto un sacerdote di particolare spessore e rilevanza nel clero diocesano.

Don Franco, all’anagrafe Giancarlo, nato il 14 dicembre 1937 a Castelnovo ne’ Monti, dopo una breve esperienza come vicario cooperatore a San Terenziano di Cavriago subito dopo l’ordinazione, è stato parroco di Santa Teresa città dal 1981 al 1990, dove ha introdotto adeguamenti per gli spazi della celebrazione liturgica; è stato poi parroco di Sant’Ilario dal 1990 al 2009, quando ha ricevuto l’incarico di vicario episcopale per la vita consacrata e i ministeri; era anche delegato per l’amministrazione del Sacramento della Cresima.

È stato insegnante e vicerettore nel seminario urbano, segretario per la visita pastorale, collaboratore pastorale in San Pellegrino, incaricato della pastorale familiare e matrimoniale, addetto all’ufficio amministrativo, consulente del Cif , vicepresidente della Caritas diocesana, responsabile per la formazione permanente del clero giovane; priore dell’ultrasecolare Congregazione presbiterale di Felina.

Mons. Ruffini nell’agosto 2012 presiedette in San Prospero la Messa in occasione del 58° della morte di Alcide De Gasperi, che definì: “testimone generoso e audace; politico, sì, non per polemica ideologica, ma custodendo nel cuore il tesoro della fede, l’obbedienza alla Chiesa, l’amore per la vita e la dignità della persona”. E aggiungeva che “il tempo restituisce onore a chi come l’on. De Gasperi si è speso per smascherare sistemi ideologici sbandierati come progresso di libertà e difesa dei poveri, coltivando nel suo cuore la fedeltà al servizio del Vangelo e del prossimo. Non è però stato un solitario, ma ha discusso, collaborato, condiviso con altri questo impegno. Ha sempre manifestato ricchezza di fede e di fedeltà ad una vera democrazia di valori, che rivelavano che il politico si nutriva di preghiera e viveva in comunione con il Signore nell’Eucarestia. Non contrabbandava privilegi economici, non la carriera; ma testimoniava l’atto di fede in Dio e nell’uomo da servire nella società”, ribadiva mons. Ruffini, ricordando l’impegno di De Gasperi per la stesura della Costituzione. Lo statista trentino, annotava, non si era mai sottratto ai suoi impegni di guida e di ricostruzione del Paese, forte dell’educazione cattolica ricevuta in famiglia, in parrocchia, in Azione Cattolica; si era “messo alla stanga”; non ha avuto paura di “sporcarsi le mani” in politica, ma rimanendo sempre onesto e puro; “omnia munda mundis”, metta in bocca a fra’ Cristoforo il Manzoni nel cap. 8° dei “Promessi Sposi”.

La salma di don Ruffini è esposta da oggi pomeriggio nella chiesa parrocchiale di Sant’Ilario d’Enza, dove alle 18.30 viene recitato il Santo Rosario; anche domani  alla stessa ora sarà recitato il Rosario.

La celebrazione esequiale presieduta dal vescovo Massimo Camisasca  si svolgerà  lunedì 11 marzo alle ore 15.30 presso la stessa parrocchiale di Sant’Eulalia; al temine della liturgia la salma verrà trasferita a Castelnovo ne’ Monti dove martedì mattina avrà luogo la tumulazione nel locale cimitero.

(Giuseppe Adriano Rossi)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

10 Commenti

  1. Con grande dolore, apprendo ora la triste notizia della scomparsa del caro Don Franco, sacerdote celebrante del mio matrimonio e a cui la mia famiglia e’ sempre stata legata oltre che per vincoli di parentela, anche per i forti valori di fede, semplicità e accoglienza che sapeva trasmettere, nelle nostre poche occasioni d’incontro, causa la lontananza per assolvere la sua missione di sacerdozio. Porgo a Renzo, a Deanna, Matteo e a Simona, che tanto si e’ prodigata per il suo adorato zio in questo periodo di malattia, le mie più sentite condoglianze anche da parte della mia famiglia.
    Gabriella Damini Silvetti

    Rispondi
  2. Ciao Franco, anche tu ci hai lasciato, da lassù continua a sorriderci.
    Sentite condoglianze a tutta la famiglia

    Elda Zannini Colombani

    Rispondi
  3. È vero: don Franco era un grande!!! Mi dispiace…

    Umberto

    Rispondi
  4. Al fratello Renzo ed a tutta la famiglia porgiamo sentite condoglianze.

    Paola e Giorgio Caselli

    Rispondi
  5. Un GRANDE Sacerdote ci ha lasciato, proteggici da dove sei. Non servono parole per ricordarlo se non quanto fatto da lui durante il suo viaggio terreno.

    Gianni

    Rispondi
  6. Ho appreso oggi la triste notizia.
    Avevi celebrato il nostro matrimonio nel lontano 1988.
    Mi dispiace tantissimo.
    Ciao Franco, riposa in pace.

    Sergio Agostini, Valcavi Maria Angela

    Rispondi
  7. Sentite condoglianze al fratello Renzo e a Matteo simona Deanna
    Da parte famiglia Bazzoli

    Alfeo Bazzoli

    Rispondi
  8. Partecipo con profondo dolore al lutto che ha colpito la famiglia Ruffini.La partenza di don Franco,al quale ci univano sentimenti di affetto e di grande stima,oltre al vincolo di parentela,rattrista tutti coloro che hanno avuto modo di conoscerlo ed apprezzarne le qualità.
    Mariolina Cagnoli e fam.

    Rispondi
  9. Da curato a San Pellegrino ci faceva parlare e amare la Scrittura commentandola in dialetto montanaro. Quel passo di Vangelo, ad esempio Luca cap. 5, non era solo per i pescatori, ma Noster Sgnur, diceva, parlava a me.
    Grazie don Franco. Sarai contento di essere tornato a casa. Sei sempre nei nostri cuori, guardaci da lassù.

    Stefano

    Rispondi
  10. Condoglianze vivissime ai Familiari in ricordo di Mons. Ruffini, Sacerdote di profonda intelligenza al quale porto e porterò grande rispetto e stima .

    Giorgio Ielli

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48