Vetto, addio a Paola Ruffini, madre, sarta, coltivatrice diretta

Rodogno di Vetto e una vasta comunità piangono Paola Ruffini, 75 anni, spentasi dopo una dura lotta contro la malattia. Era l’ultima superstite di una famiglia originaria di Cola di Vetto che aveva annoverato 7 fratelli e che, a Rodogno, si era trasferita ai tempi della mezzadria in un podere padronale Malagoli.

Paola (al secolo Gian Paola Maria), aveva saputo mettere assieme l’esperienza della sarta, assieme a quella di coltivatrice diretta, col marito Ettore Ruffini che aveva sposato il 20 maggio del 1964. Erano i tempi del boom economico, dell’affrancamento dalla miseria, del boom rurale in Appennino con una stalla in ogni famiglia e, ai tempi, si andava al caseificio del Sole. Con Ettore era stata impegnata ai tempi della prima cooperativa agricola del paese e, nella stessa borgata, per la sua generosità era una figura di riferimento, anche per il suo lungo e felice matrimonio durato quasi 55 anni.

Da Ettore Paola aveva avuto le figlie Monica, sposata con Giuseppe a Roteglia, e Deborah, impiegata al Sau di Castelnovo col marito Daniele. Lascia gli amati nipoti Matteo e Alessia.

I funerali oggi alla parrocchiale di Cola alle ore 15 con partenza dalla camera mortuaria di Castelnovo.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Uniti nel vostro dolore per la perdita della cara e amica Paola, le più sentite condoglianze. Famiglia Grimelli Mino, Alberta e figli.

    Arlotti Alberta

    Rispondi
  2. A Monica e Deborah e famigliari tutti sentite condoglianze.

    Paolo Guidetti

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48