Si parla del clima al Centro Insieme di Castelnovo ne’ Monti

Si prosegue a parlare di clima al Centro Insieme di Castelnovo ne' Monti con Legambiente Appennino Reggiano.

Martedì 26 marzo alle ore 18.00 con la videoconferenza (messa a disposizione della Fondazione San Carlo di Modena) azioni umane sull'ambiente.

L'inquinamento atmosferico nelle aree urbane con Grazia Ghermandi, professoressa di ingegneria sanitaria ambientale Università di Modena e Reggio Emilia.

La cittadinanza è invitata a partecipare

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Mi auguro che non sia la solita lezione scolastica sui cambiamenti climatici e sui danni che questi provocano; è dal 1997 con il Protocollo di Kioto, ma da molto prima; poi le conferenze mondiali di Cancun. Cophenaghen, Parigi, Katowice, ecc; non si fa altro che dare lezioni sui danni che l’inquinamento provoca sull’uomo e la C02 e tanti altri inquinanti in atmosfera, dall’innalzamento delle temperature allo scioglimento dei ghiacciai e mille altre cose da scriverne un libro. Il clima è impazzito e l colpa lo sappiamo tutti è dell’uomo e i danni si vedono ovunque; si vedono anche sulla Valle dell’Enza, siccità e esondazioni fanno centinaia di milioni di Euro di danni; ma nei fatti, che sono quelli che contano, perchè di chiacchiere siamo stufi, cosa si fa?; Nulla. Ma sulla Valle dell’Enza si fa di peggio, qualcuno dice persino di NO proprio all’unica opera, alla Diga di Vetto, che sarebbe in grado di migliorare il clima, tanta energia pulita, 52.000 ton all’anno di CO2 in meno emessa in atmosfera, milioni di euro di energia risparmiata e minor inquinamento dal pompaggio delle acque verso l’alto di veri fiumi, riduzione del dissesto generale della valle, acqua stupenda di montagna per i rubinetti di paesi e città, acque limpide nell’Enza 12 mesi all’anno fino a Po per la vita dei pesci e di tanti altri animali, fine dei danni da esondazioni e da siccità, risollevamento delle quote delle falde e dei pericoli della subsidenza su tutta la Valle; ma da anni ho scoperto che questo non interessa a chi si riempie la bocca di belle parole e nei fatti sanno dire solo NO, portando tutto e tutti alla morte, non solo l’agricoltura di Parma e Reggio ma anche i paesi montani abbandonati e dissestati.

    Franzini Lino Sindaco di Palanzano

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48