Our mountains have so much to offer, but do we know it? Speakeasy a cura di Alice Rivi, Giulia Petrone, Giorgia Basinghi, Martina Gilioli

Prosegue la collaborazione fra il Liceo Linguistico “Cattaneo-Dall’Aglio” e Redacon.

"Speakeasy", una rubrica curata dagli studenti.


 

Un selfie con Pheona da sinistra, e Alice Rivi, Giulia Petrone, Giorgia Basinghi, Martina Gilioli

Our mountains have so much to offer, but do we know it?

Our journey to Bedogno (Villa Minozzo) to discover art.

We live in a chaotic world. We are used to doing a lot of things, following the rhythm dictated by our society and feeling  the passing of time without paying too much heed.
But what if we took a breath, if we stopped hurrying and started seeing to feel and taste what life is really like?

Maybe things would be different, we would be different. And that was exactly what happened to us on an ordinary Saturday  afternoon.
We went to our native English teacher's house in order to discover the magical world she lives in which she created by herself.
And now we want you to discover it through us.
So close your eyes, switch off your mind and be ready to go on a memorable journey.

We asked many questions and she was really willing to answer them all, so why don't we introduce her?

Before we start: We used an easy legenda for a better understanding:

Q: question

A: answer

Q. Hi Pheona! Where do you come from? When did you come?

A. Hi girls. I was born in Scotland and lived there a big part of my life.  I studied in Glasgow and also have a family there. I came here 9 years ago.

Q. Why are you in Italy and, above all, why did you choose Bedogno?

A. To tell the truth, I do not know! I travelled a lot before deciding on Bedogno, I have always thought Italy to be an amazing place so I set off to discover the country.

My goal was to open an "art school” and I was looking for a relaxing and impressive place.

Actually it was not a real choice, the truth is that Bedogno (near Villa Minozzo) chose me and I have soon discovered it.

 

Da sinistra Alice Rivi, Giulia Petrone, Giorgia Basinghi e Martina Gilioli

Q.Do you have a website? What kind of art school do you have?

A.The art school is very small. I have room for 6 people at a time, so tuition is on an individual basis.  I have two web sites. One is for B&B www.casaappennino.com and the other reaches people from all over the world, www.artholidaysinitaly.com  where people can see an example of what can be done in the school.

It does not matter if you are a beginner or you are at an advanced level. The aim is to do art and be inspired by the wonderful scenery, the clean air, and the friendly environment.

I have three apartments which are themed on the work of famous Italian painters,  "Michelangelo", "Caravaggio" and "Botticelli".

Each apartment contains at least one painting by the artist, a copy I did myself. I must admit that I am really pleased with the outcomes, they are similar to the original ones.

I put art in everything in the house: e.g. in the dining area there is a painting of "The Last Supper" in order to make the guests feel like they are in the painting, basically dining in and with art.

Q. But at this point we want to know, Did you attend art school?

A. I studied art at Glasgow School of Art for 4 years. There I specialized in Sculpture. To be sincere, it is the most useless thing a person could do.

Q. How can you define yourself? Are you more a painter or a sculptor?

A. I am a maker, mostly. I make things all the time: I make murals, mosaics, sculptures, paintings and I have helped the bricklayers in the rebuilding of the house.

Now I am also working on a barn restoration. It is what I hope will be my future house. In my own painting I specialise in portraits and figurative art.

Q. How long does it take to complete a painting?

A. Well, there is no answer to that. Many people ask me the same question, so I started to write down the hours that I spend painting.

I cannot count them in days, weeks and so on, it would be untrue. Maybe on a rainy day I am willing to paint more and on other days I am not really keen on doing it. I just paint when I feel like it.

Q.You have remade many famous paintings, but, is there a bit of "Pheona" in your artworks?

A. Sure there is. I always put a bit of my personal interpretation in it. I also make jokes with my artworks:

While entering the house you will be watched by a really famous young lady called "Gioconda", but a happier one, with a bigger smile and a softer expression.

I wanted to put the most famous and expensive painting of the world in my hallway, in my little house in Bedogno. Nobody ever expects that.

Even my "Primavera" by Botticelli is a a little altered. When I started working on it, I did it quickly. Soon I realized I had left a big portion of the wall empty. What I did was research and copy the style of the artist and put in another 2 subjects: I portrayed myself with a brush and also another figure as a Minotaur.

Q. While decorating your house, did you have a precise project?

A. I wanted my B&B to look like an art gallery, but without all that academic "Chat chat". I wanted people to dive into art and feel it.

Q. Do you have a nickname as an artist?

A. I used to sign my paintings with my surname "Kerr", but then I decided to make it more "Italian", now I usually sign them with "Kerra".

While visiting the house we tried to look at everything around us with a different state of mind. We know how stunning our mountains and landscapes are, but we tried to feel it in a different way. We were born here and we have been living here all our lives, so we tend not to really pay attention to our immense “patrimony”. We saw it through paintings and the way Pheona represented it is significant. There is this copy she made from Michelangelo’s “Cacciata dal Paradiso” with the Pietra of Bismantova painted in the middle of it, in the background, and then loads and loads of our landscapes hanging on her walls. Taking a significant distance from things we know is the best way to comprehend and appreciate them.

 

We immediately felt how much passion and hard work Pheona has put in this project. In every word we could understand how proud and happy she is.  And we couldn't do anything but feel admiration for what a strong woman like Pheona was able to do. She was able to make art out of nothing.

We must admit that this “journey” through art and passion has really affected us. We do not know whether it’s because of the power of art, what it makes you feel, or  what passion is able to create through recycling materials and inventiveness. We cannot understand it. Maybe it’s not to be understood, it is just as it has to be: inexplicable beauty.

Art has many ways of expressing itself, through strong images, through religious subjects, but above all through beauty.

Beauty has always been the fundamental principle of it, and the most sincere thing a human being could represent. It is completely related to our feelings, to our conception of the world outside and, we cannot deny it, we are doubtlessly attracted by it.

-

Photo gallery (thanks to our profi photographer Giorgia Basinghi).

Traduzione:

Le nostre montagne hanno tanto da offrire, ma lo sappiamo?

Il nostro viaggio a Bedogno (Villa Minozzo) per scoprire l’arte.

Viviamo in un mondo caotico. Siamo abituati a fare tante cose, seguendo il ritmo dettato dalla nostra società e senza prestare particolare attenzione al tempo che passa.

Ma se facessimo un bel respiro? Se smettessimo di andare di fretta e iniziassimo a sentire e assaporare la vita?

Forse tutto sarebbe diverso, noi saremmo diversi. E questo è esattamente ciò che ci è successo in un ordinario sabato pomeriggio.

Siamo andate a casa della nostra madrelinguista inglese per scoprire il magico mondo in cui vive e che lei stessa ha creato. E ora vogliamo che lo scopriate attraverso noi.

Quindi chiudete gli occhi, spegnete la mente e siate pronti per un viaggio memorabile.

Le abbiamo fatto molte domande ed è stata molto disponibile a rispondere ad ognuna, quindi perché non presentarla?

Prima di iniziare: abbiamo usato una semplice legenda per capire meglio.

Q: domanda

A: risposta

Q: Ciao Pheona! Da dove vieni? E quando sei arrivata qui?

A: Ciao ragazze! Sono nata in Scozia e ci ho vissuto per buona parte della mia vita. Ho studiato a Glasgow e lì ho anche la mia famiglia. Sono arrivata qui 9 anni fa.

Q: Perché sei in Italia, e soprattutto, perché hai scelto Bedogno?

A: A dir la verità, non lo so! Ho viaggiato molto prima di scegliere Bedogno. Ho sempre pensato che l’Italia fosse un posto incredibile e quindi sono partita per scoprirla.

Il mio obiettivo era quello di aprire una “scuola d’arte” e stavo cercando un posto rilassante e ammirevole. In realtà non è stata una vera e propria scelta. La verità è che Bedogno (vicino a Villa Minozzo) ha scelto me, e molto presto l’ho scoperta.

Q: Hai un sito web? Che tipo di scuola d’arte hai?

A: La mia scuola è molto piccola. Ho spazio per 6 persone alla volta, quindi l’insegnamento viene fatto per i singoli l’insegnamento è quasi a livello individuale.

Ho due siti web. Uno è per il bed and breakfast  www.casaappennino.com e l’altro raggiunge le persone in tutto il mondo: www.artholidaysinitaly.com da dove si può vedere un esempio di ciò che viene fatto nella scuola.

Non importa se sei un principiante o a un livello più avanzato. L’obiettivo è creare arte e lasciarsi ispirare dal meraviglioso paesaggio, dall’aria pulita e dall’ambiente amichevole.

Ho tre appartamenti ispirati alle opere di famosi pittori italiani, “Michelangelo”, “Caravaggio” e “Botticelli”.

Ogni appartamento contiene almeno un dipinto dell’artista, una copia fatta da me. Devo ammettere che sono molto contenta dei risultati, sono veramente simili agli originali.

Metto l’arte in tutta la casa: per esempio nella zona da pranzo c’è il mio dipinto dell’Ultima Cena, in modo tale da far sentire i miei ospiti come all’interno di esso, praticamente mangiando con e nell’arte.

Q: Ma a questo punto vogliamo sapere, hai frequentato una scuola d’arte?

A: Ho studiato arte all’università di Glasgow per 4 anni. Lì mi sono specializzata in Scultura.

Ad essere sincera, è la cosa più inutile che una persona possa fare.

Q: Come puoi definirti? Ti senti di più una pittrice o una scultrice?

A: Sono soprattutto una creatrice. Faccio sempre qualcosa: murales, mosaici, sculture, dipinti e ho anche aiutato i muratori nella ristrutturazione della casa.

Ora sto lavorando alla ristrutturazione di un fienile. E’ quello che spero sarà la mia futura casa.

Nei miei dipinti mi specializzo nei ritratti e nell’arte figurativa.

Q: Quanto tempo ci vuole per completare un dipinto?

A: Beh, a questo non c’è risposta. Molte persone mi fanno questa domanda, quindi ho iniziato ad annotare le ore che passo dipingendo.

Non posso esprimerlo in giorni, settimane o altro, non sarebbe veritiero. Magari in un giorno di pioggia ho più voglia di dipingere mentre in altri giorni non ne ho molta voglia. Semplicemente dipingo quando mi va.

Q: Hai rifatto molti dipinti famosi, ma c’è un po’ di “Pheona” nelle tue opere d’arte?

A: Certamente. Metto sempre un po’ della mia interpretazione personale. Faccio anche qualche scherzo attraverso le mie opere.

Entrando in casa sarete osservati da una giovane donna molto famosa chiamata “Gioconda”, ma una più felice, con un sorriso più grande e un’espressione più dolce.

Volevo mettere il dipinto più famoso e costoso nel mio ingresso, nella mia piccola casa a Bedogno. Nessuno se l’aspetta mai.

Anche la mia “Primavera” di Botticelli è un po’ diversa. Quando ho iniziato a lavorarci, l’ho fatta velocemente. Poi ho notato di aver lasciato una grossa parte del muro vuota. Ciò che ho fatto è stato cercare e copiare lo stile dell’artista per poi inserire altri due soggetti: mi sono ritratta con un pennello, insieme a un’altra figura con le sembianze di un Minotauro.

Q: Mentre arredavi la casa avevi in mente un progetto preciso?

A: Volevo che il mio B&B sembrasse una galleria d’arte ma senza tutte quelle “chiacchiere” teoriche. Volevo che le persone si tuffassero nell’arte e la sentissero.

Q: Hai un soprannome da artista?

A: Prima firmavo i miei dipinti con il mio cognome “Kerr”, ma poi ho deciso di renderlo più “italiano”. Ora solitamente mi firmo come “Kerra”.

Durante la visita alla casa abbiamo osservato tutte le cose intorno a noi con uno stato mentale differente. Sappiamo quanto siano incredibili le nostre montagne e i nostri paesaggi, ma abbiamo cercato di percepire tutto in maniera diversa. Siamo nate qui e abbiamo vissuto qui per tutta la nostra vita, quindi tendiamo a non prestare attenzione al nostro immenso “patrimonio”. L’abbiamo visto attraverso i dipinti e il modo in cui Pheona ha rappresentato tutto ciò. C’è questa copia che Pheona ha fatto della “Cacciata dal Paradiso” di Michelangelo dove al centro dello sfondo c’è la Pietra di Bismantova, e così come tantissimi altri paesaggi appesi alle sue pareti. Prendere un po’ di distanza da ciò che conosciamo è il modo migliore per comprenderle e apprezzarle.

Abbiamo subito sentito quanta passione e quanto lavoro Pheona ha messo in questo progetto. In ogni sua parola abbiamo capito quanto ne sia felice e orgogliosa. E non abbiamo potuto fare altro che provare ammirazione per ciò che una donna forte come Pheona è riuscita a fare. E’ stata capace di creare arte dal nulla.

Dobbiamo ammettere che questo viaggio attraverso l’arte e la passione ci ha fortemente colpite. Non sappiamo se a causa del potere che l’arte ha, che cosa ti fa provare, o cosa la passione sia in grado di creare attraverso semplici materiali riciclabili e inventiva. Non riusciamo a capirlo. E forse non è da capire, ma solo essere: bellezza inspiegabile.

L’arte ha molti modi per esprimersi: attraverso immagini forti, soggetti religiosi, ma soprattutto la bellezza.

La bellezza è sempre stata il principio fondamentale dell’arte ed è la cosa più sincera che un essere umano possa rappresentare. E’ completamente legata alle nostre sensazioni, alla percezione del mondo che c’è fuori. E non possiamo negarlo, siamo indubbiamente attratti da essa.

(Galleria fotografica grazie alla nostra fotografa Giorgia Basinghi)

(Alice Rivi, Giulia Petrone, Giorgia Basinghi, Martina Gilioli. Studentesse della classe V, Liceo Linguistico Cattaneo/Dall’Aglio)

Le altre lezioni di inglese.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Dear girls,
    I’ve read with attention your article.
    I agree with you that young Apennine people have to know better our mountains, but before all, in my opinion, our culture.
    You could spread out your point of view with your own age, unfortunately adult can’t be able to build a new future for you and our amazing land.
    I think that art and artists, like Pheona Kerra, could help us to find a new path to follow. I don’t know why, but usually foreign people can see possibilities that the natives don’t see.
    You must excuse me, my English is basic but enough to make me understood.
    Hugs

    Vincenzo Castellano

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48