Sequestro di alimenti: niente nome?

Ha destato prevedibile quanto comprensibile clamore l’articolo riguardante confisca e sanzione, da parte dei Carabinieri del Nas, di prodotti alimentari trovati non idonei ai controlli presso un’azienda agricola e un’attività commerciale di Castelnovo.

Numerosi i commenti giunti in redazione e sulla pagina facebook di Redacon richiedenti l’esternazione dei nominativi delle attività responsabili coinvolte. Ne riportiamo uno degli ultimi pervenuti come esempio: “Non pensate anche voi che abbiamo il diritto di conoscerne il nome? Noi (un gruppo di 50 persone circa) che pur essendo montanari, abitiamo da anni in altre città e diverse volte l’anno ci riforniamo proprio di formaggi e salumi facendone una buona scorta. Sinceramente quanto è successo mi toglie la voglia di continuare. Mi dispiace per i commercianti e per le aziende agricole oneste ma mettetevi nei nostri panni (a meno che non vengano resi noti i nomi di chi ha commesso queste truffe, perché di vere truffe si tratta). Chi altera alimenti è un truffatore che mette anche in pericolo la nostra salute. Grazie”.

Sul fatto che sia giusto, o meno, a fronte di una sanzione già comminata, fare (o meno) i nomi, riteniamo che sia un dibattito evidentemente aperto ma che, oggettivamente, è al di sopra delle nostre possibilità dipanare.

Riteniamo che la nostra azione primaria sia quella di trasmettere la veridicità dell’accaduto avendo cura di attenersi a ciò che di certo si conosce: pertanto, pubblichiamo fatti simili di cronaca così come sono direttamente diramati delle Forze dell’Ordine competenti - solitamente senza nomi -, senza nulla aggiungere né togliere di personale alla fonte ufficiale.

 

(La redazione)

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Bene, tutto ciò è un vostro diritto ma in questo modo si colpevolizzano tutti i commercianti della zona e questo non è giusto!

    Luigi Magnani

    Rispondi
  2. “Questo esercizio risulta idoneo ai controlli dei NAS” oppure: “questo esercizio non teme il controllo dei NAS” e via dicendo. La scritta potrebbe essere apposta all’interno delle attività commerciali “pulite”. Può essere un’idea.

    EF

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48