Ventasso: inaugurazione municipio di Ramiseto

Dopo quasi due anni di lavoro, il municipio di Ramiseto è pronto e sabato 13 aprile verrà tagliato il nastro e inaugurata la struttura completamente rinnovata.

Il municipio nella nuova veste diventa quindi un centro polifunzionale, con al proprio interno molteplici servizi rivolti al cittadino, a partire dall'ambulatorio medico e il servizio infermieristico con accesso dai parcheggi (a partire da giugno), oltre al servizio anagrafe e lo sportello polifunzionale aperto tutti i giorni.

A rotazione saranno presenti anche l'ufficio tecnico - tributi - servizio sociale e il vigile, inoltre un ufficio sarà destinato al consiglio di municipio e uno alle associazioni di categoria e sindacati.

All'ultimo piano è stata collocata la nuova biblioteca con annessa sala lettura, aperta il martedì e il giovedì al mattino.

I lavori sono stati realizzati dalla ditta A.b.e di Salerno per un importo complessivo di euro 460.000,00

Quindi finalmente si parte: il punto di ritrovo è alle 15.30 davanti al municipio per autorità e invitati, all'iniziativa saranno presenti oltre al sindaco del Comune di Ventasso Antonio Manari, l'assessore regionale Paola Gazzolo, che alle ore 16.00 porteranno il loro saluto unitamente alle altre autorità presenti.

Alle ore 17.00 si procederà con il taglio del nastro; a seguire verrà offerto un rinfresco all'interno della struttura.

In caso di maltempo la cerimonia si svolgerà interamente al coperto.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Sarò controcorrente ma credo che sia una struttura inutile, la tipica cattedrale nel deserto. Intanto perché il nuovo e futuro municipio dell’Unione lo stanno costruendo a Cervarezza. Inoltre per ospitare qualche mezza giornata un paio d’impiegati provenienti da Busana era sufficiente quella precedente. Credo che i finanziamenti dati dalla regione, grazie alla fusione, dovrebbero essere spesi in modo che creino nuovi posti di lavoro e per consentire alle persone, non in pensione, di vivere ancora in montagna. O presto tutte queste belle strutture non serviranno a nessuno.

    Alessandro

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48