Castelnovo, Nadia Vassallo si candida a sindaco con una lista civica

Nadia Vassallo

Nadia Vassallo, già portavoce del comitato Salviamo le Cicogne, commerciante e presidente della delegazione di Confcommercio di Castelnovo Monti, si candida a sindaco. Lo fa in una lista assieme ad altri cittadini che hanno deciso di presentare una lista civica per la prossima elezione comunale di Castelnovo.

"La lista elettorale che viene presentata - precisa la Vassallo in una nota - è cosa diversa dal comitato stesso: è una lista civica che apre alle persone che intendono impegnarsi per il bene del Comune di Castelnovo e per tutta la montagna senza sottostare a schieramenti ideologici e partitici, cercando di accorciare le distanze fra la gestione della amministrazione ed i cittadini nell’affrontare tutti i temi della vita pubblica".
"L’impegno - aggiunte - è quello di lavorare come un gruppo di lavoro aperto, per superare le vecchie logiche di contrapposizione in favore del dialogo, della collaborazione e del coinvolgimento di tutti. È attiva la raccolta firme necessarie per la presentazione: lunedì di Pasquetta sarà possibile firmare in via Roma di fronte alla gelateria Bismantova".
La nuova lista si chiamerà Castelnovo ne' Cuori - Nadia Vassallo sindaco e sfiderà la lista di centrosinistra del sindaco uscente Enrico Bini, quella della Lega Nord di Alessandro Davoli e quella dei 5 Stelle di Roberto Cavana.
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. In bocca al lupo alla candidata Vassallo. Sindaco donna. Tutto il resto è noia.

    MA

    Rispondi
  2. Tanto tuonò che piovve, verrebbe da dire, perché il Comitato non poteva verosimilmente estraniarsi dalla “competizione” delle prossime elezioni comunali, almeno da come io riesco a vedere le cose, pena il rischio di non dar seguito all’azione fin qui condotta, posto che alla politica competono le decisioni in materia di organizzazione sanitaria, e visto altresì che la questione del Punto Nascita sembra essere entrata in una sorta di “situazione di stallo” (ebbi già modo di affrontare l’argomento commentando un altro articolo di Redacon, del 19 novembre 2018, con titolo “I Comitati Cicogne e Dinamo: Sindaco Bini, lei ha fatto una nota a uso elettorale).

    P.B. 22.04.2019

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48