“Nessun giallo” afferma Manari, l’ascensore non era previsto ma sarà comunque realizzato dal comune

Nei giorni scorsi il consigliere regionale della Lega Gabriele Delmonte, con una interrogazione in Regione chiedeva conto della mancata installazione di un ascensore nel Municipio di Ramiseto recentemente ristrutturato e inaugurato nel mese di aprile; risponde oggi a stretto giro di posta Antonio Manari, sindaco del comune di Ventasso.

"Il bando di gara non comprendeva la realizzazione di nessun ascensore" esordisce Manari, inoltre l'intervento non è stata una semplice ristrutturazione, ma un adeguamento sismico dell'edificio, con fondi erogati per i danni relativi al terremoto de 23 dicembre 2009."

In sede di gara, espletata con i criteri dell'offerta economica più vantaggiosa e non del massimo ribasso , la ditta “Abe s.r.l” aggiudicataria dell'appalto, aveva presentato delle migliorie consistenti nella realizzazione di un ascensore per una spesa di 18.700 euro.

"Le migliorie, continua Manari, si possono rimodulare mantenendo gli stessi impegni economici, in base alle necessità che emergono durante l'esecuzione dei lavori. Nel corso della ristrutturazione, sono state riscontrate condizioni lavorative tali da imporre la rivisitazione degli impianti tecnici, idrico, termoidraulico ed elettrico nel suo complesso, con un conseguente incremento dei costi. Tengo quindi a precisare prosegue il sindaco, che con una apposita variante, la stessa cifra offerta per l'ascensore è stata utilizzata sull'impiantistica dell'edificio consentendo la conclusione dell'intervento di consolidamento sismico.

L'ascensore comunque si farà, lo realizzerà il comune come già anticipato nel corso dell'inaugurazione del Municipio, la cifra necessaria per l'intervento è già stata reperita nel nostro bilancio. Per la realizzazione dobbiamo attenerci alle procedure ma confidiamo che non superino i due o tre mesi".

Chiude così Manari: siamo molto attenti ai bisogni della nostra popolazione, spesso composta da persone anziane, quindi nonostante i due uffici principali (anagrafe e ufficio polifunzionale) siano al piano terreno, faremo il possibile per non arrecare disturbo ai fruitori del nostro bel municipio, questo sempre nell'ottica di offrire migliori servizi alla popolazione tutta.

 

 

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Che dire…., così è troppo facile, ti presento in sede di gara una miglioria che mi può garantire un punteggio alto, poi, magri, in fase di esecuzione riguardiamo e rivalutiamo il tutto, alla faccia di chi magari proprio in sede di gara analizzando il progetto seriamente si era reso conto che la miglioria non era eseguibile e ha offerto altro.
    Direi che non sono gare d’appalto ma gare per chi è più furbo per non dire di peggio.

    MB

    Rispondi
  2. Finita la campagna elettorale iniziamo a svolgere il nostro compito di amministratori. Si, per chi non lo sapesse, anche i consiglieri di opposizione sono amministratori. Il loro compito principale, oltre che presentare proposte e suggerimenti tramite mozioni da votare in consiglio, è quello di “sindacato ispettivo”. Ovvero controllo puntuale dell’operato della giunta, espressione della maggioranza, tramite interpellanze e interrogazioni. Chiederemo conto di vari aspetti poco chiari di questo appalto. Non solo vorremmo comprendere come si sia preferita l’impresa edile ABE Srl di Salerno, invece di una delle quattro o cinque imprese edili locali. Ma anche perché si sia scelto il progetto di ABE che ben poco migliorativo è stato rispetto alle esigenze dei cittadini disabili e anziani. Da quanto ho visto chiederò anche la relazione di collaudo, data la scarsa qualità esecutiva. Scarsa per non dire di peggio. Pareti non a piombo, riquadri delle finestre che non hanno conosciuto una livella, spigoli curvi, intonaco raffazzonato, soffitti bassi e vista la pessima svasatura delle finestre, poca luce negli uffici. Ufficio anagrafe piccolo, poco più di un gabbiotto. Insomma per 460.000 euro, un pessimo pessimo affare. Oltre alla evidenza di mancati efficaci controlli durante l’esecuzione, i responsabili dell’ufficio Tecnico del comune di Ventasso e dell’Unione, qualche giustificazione credibile la dovrebbero dare. Ne parleremo con il sindaco Dott. Manari nel consiglio dell’Unione. Spero non avrà difficoltà a dialogare.
    Saluti,
    Alessandro Davoli
    Capogruppo Castelnovo Libera

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48