La storia dell’Appennino attraverso i matrimoni in Centro storico a Castelnovo

Lunedì 5 agosto, per il ciclo di presentazioni letterarie nel centro storico di Castelnovo, si compirà un affascinante excursus nella storia dell'Appennino reggiano, attraverso un punto di vista assolutamente originale.

Saranno infatti presentati, dalle ore 21, i volumi Il giorno delle nozze, realizzati da Ivo Rondanini, che ne parlerà in piazza Unità insieme a Claudia Martinelli.

Rondanini, attraverso ricerche di archivio, fotografiche e testimoniali, ha realizzato un'opera imponente, che copre svariati decenni della storia montanara, dall'800 agli anni '70 del '900, e costituisce una galleria di visi, volti, ma anche abitudini e usi tradizionali legati al giorno delle nozze. Accanto all’ampia rassegna fotografica di matrimoni celebrati nelle diverse località della montagna, viene infatti presentata la storia dell’istituzione matrimoniale, dagli anniversari ai proverbi, fino alle diverse consuetudini, un dettaglio sui regali e i viaggi di nozze, che restituiscono la forte evoluzione della società locale dal XIX secolo al boom economico e oltre.
I lunedì letterari a Castelnovo continueranno il 12 agosto con la presentazione de Il sapore del primo bacio di Armido Malvolti e Il cardo e il rosolaccio di Giordano Simonelli.
In caso di maltempo le presentazioni si terranno presso Osteria Da Geremia (via Franceschini 10).
Per informazioni: Associazione Centro Storico tel. 334 1659013, [email protected],www.comune.castelnovo-nemonti.re.it[email protected], www.comune.castelnovo-nemonti.re.it.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Sarebbe auspicabile che questa “rassegna” – che sembra prospettarsi molto ricca quanto ad immagini e a materiale riguardante l’argomento – invogliasse i giovani a sposarsi, visto che i matrimoni paiono andati via via calando anche dalle nostre parti, le quali sono peraltro quelle che hanno conservato abbastanza le proprie consuetudini e tradizioni.

    Viene talora da pensare che la nostra società viva una sorta di contraddizione, nel senso che siamo per solito piuttosto interessati al nostro passato, e ne siamo magari “ammaliati”, ma ci tiriamo poi indietro quando si tratta semmai di riprendere, e far entrare nella nostra quotidianità, qualcuna delle abitudini di un tempo (si tratta cioè di passare dalle parole ai fatti).

    P.B. 02.08.2019

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48