Ritrovamento eccezionale negli scavi archeologici di Toano: una moneta con l’effige del Volto Santo conferma la profondità storica di questo cammino

La moneta in mistura d'argento raffigurante l’immagine del Volto Santo

Una moneta in mistura d'argento coniata a Lucca a nome dall’imperatore Ottone IV di Brunswick nella prima metà del 1200 e raffigurante l’immagine del Volto Santo è emersa dagli scavi  archeologici che dal 29 luglio sono ripresi presso la Pieve di Santa Maria in Castello, a Toano.

Il ritrovamento ha un’importantissima valenza in quanto avalla, con tempismo perfetto, quanto si sta facendo per valorizzare proprio la Via Matildica del Volto Santo, un antico cammino di pellegrinaggio e di commercio di circa 200 km, che collega la città di Mantova a Lucca, passando per Reggio Emilia, attraverso la Lombardia, l’Emilia-Romagna e la Toscana, toccando suggestivi Borghi, antichi e strategici Castelli nelle terre di Matilde in una varietà culturale e ricchezza naturalistica unica. 

Volto Santo moneta toano

Il disegno della moneta realizzato dell’archeologo Andrea Cenerelli

“È un ritrovamento eccezionale - sottolinea Fausto Giovanelli, coordinatore riserva biosfera Mab Unesco - per il significato e per la tempistica che insieme confermano iconicamente le idee-base della Via Matildica del Volto Santo e l’importanza che ha avuto proprio la Pieve di Santa Maria in Castello. Non possiamo dire che ci sorprende, perché abbiamo investito sulla tratta Canossa San Pellegrino insieme a tutti i Comuni; e anche su Toano come punto alto è importante di questo cammino. Questa scoperta è un inequivocabile riprova che l’Appennino del Medio Evo era vivo e al centro di grandi vie di comunicazione; e di come le risorse Europe Por Fesr Emilia Romagna 2014-2020, siano un ottimo investimento per il turismo lento e sostenibile nell’Appennino che viene incluso in flussi più ampi di visitatori e pellegrini come un tempo, di nuovo, dalla Lombardia alla Toscana, passando per le pievi e i castelli del nostro territorio”.

“Negli ultimi due anni i lavori sono stati egregiamente seguiti per l’amministrazione comunale dall’ex assessore Vittorina Canovi, che ringrazio per tutto l’impegno che ha messo in questo progetto, - afferma il sindaco di Toano Vincenzo Volpi - la staffetta ora è passata a Erica Grossi, che assieme a tutta l’amministrazione, dovrà creare continuità con un progetto di studio e valorizzazione della Pieve promosso dall’Alma Mater Studiorum, Università di Bologna,  (direttore prof. Nicola Mancassola), con la collaborazione della parrocchia di S. Maria Assunta di Toano, la Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla e con il supporto della onlus antica Fabbriceria”.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48