Cgil Cisl Uil: la Asp Don Cavalletti deve mantenere una gestione pubblica, appello ai sindaci

Cgil Cisl e Uil provinciali hanno chiesto un incontro urgente ai sindaci dell’unione montana per capire quali siano, in definitiva, le intenzioni dell’Ente riguardo al futuro dell’Asp “Don Cavalletti”.

In questi giorni infatti si è appreso dalla stampa che durante il mese di agosto sono stati adottati provvedimenti che dovrebbero portare alla privatizzazione dei servizi agli anziani attualmente gestiti dal pubblico: ciò stupisce e preoccupa i sindacati, considerato che il confronto sviluppato con l’Unione dei comuni su questo tema a partire dal 2017 aveva evidenziato come una gestione pubblica fosse sostenibile.

A questa conclusione avevano condotto i lavori di un "tavolo tecnico", composto da rappresentanti degli Enti locali e delle Organizzazioni sindacali, che aveva esaminato in modo approfondito la situazione economica e gestionale dell'Asp, a partire dalla situazione di bilancio, per verificarne la sostenibilità, individuando possibili interventi migliorativi a livello organizzativo e gestionale al fine di recuperare risorse sufficienti a garantire il pareggio di bilancio.

Sulla base dello studio prodotto dal gruppo di lavoro, in un incontro effettuato lo scorso 26 novembre  i sindaci dell’Unione avevano convenuto che mantenere una gestione pubblica della Don Cavalletti sarebbe stato possibile posto che ci fosse la stessa volontà da parte dei nuovi amministratori locali, che si sarebbero dovuti eleggere a distanza di alcuni mesi. - spiegano Cgil Cisl e Uil - In quella stessa riunione ci era stata manifestata, invece, l’intenzione di esternalizzare la cucina, perché tale operazione - contrastata dai sindacati perché non necessaria per raggiungere il pareggio di bilancio-avrebbe consentito di realizzare ulteriori risparmi”.

Ora, da quanto si legge sui giornali, sembra che la privatizzazione totale sia una soluzione ineludibile per mantenere i servizi, garantendo gli interventi di riqualificazione/messa in sicurezza necessari per l’agibilità della struttura. “Noi sosteniamo, invece che i fondi per la manutenzione straordinaria della Don Cavalletti debbano essere trovati non attraverso la privatizzazione completa, ma puntando su finanziamenti regionali/statali/europei aderendo a bandi specifici.- continuano le Organizzazioni sindacali - Anche da questo punto di vista c’era stata condivisione da parte dei sindaci, grazie pure ad una nuova e più approfondita analisi dei periti che prevedevano un arco di tempo di 8 anni per fare i necessari interventi sulle infrastrutture, dando un ordine di priorità”.

 Se dopo le elezioni dell’aprile scorso le valutazioni dei sindaci, tutti riconfermati eccetto uno, sono mutate e/o se sono emersi nuovi elementi che hanno spinto l’Unione Montana verso l’esternalizzazione completa dei servizi agli anziani, vorremmo esserne informati direttamente e poterne discutere – concludono -  Restiamo infatti convinti che l’Asp sia un valido strumento che consente di tenere insieme programmazione e gestione diretta dei servizi ai soggetti più fragili, mentre la totale dismissione del pubblico porterebbe inevitabilmente ad una perdita di capacità di programmazione e di controllo dei servizi stessi, oltre che alla svalorizzazione del lavoro pubblico”.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48