Furto di mele a Marmoreto: “Avete sottratto molto più di un piccolo bene materiale”

Riceviamo e pubblichiamo.

-----

Buongiorno, volevo segnalare un furto, di poco valore materiale, ma, a mio avviso, di grande valore simbolico. Nel paesino di Marmoreto, che in inverno conta 50 anime, è stato rubato l’intero raccolto di un albero di mele. L’unica pianta che quest’anno ne aveva prodotto. Il proprietario è mio papà, ha 91 anni e ha piantato e coltivato con amore questa pianta. Io dico che chi ha rubato queste mele, tutte queste mele, è veramente una misera persona.

(Simonetta Notari)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

10 Commenti

  1. Cara Simona capisco cosa vuoi dire… qualche anno fa noi avevamo il ladro mattutino che veniva a fregarci le mele direttamente nel giardino di casa. Ma una mattina mamma si è alzata presto per andare in bagno e lo ha beccato🍎. Non gli ha mai detto niente. Ma tante volte la Guglielmina ha detto “Che verguggna, neanche fossero affamati…”

    Lombardi Cinzia – Marmoreto

    Rispondi
  2. Triste storia. Comunque hanno rubato qualcosa per cercare di riempire il vuoto delle loro vite. In fin dei conti i poveri sono loro (o lui).

    MA

    Rispondi
  3. È. Vero quella persona che ha rubato tutte le mele è una misera persona e non solo misera è vigliacco di anima perché poteva chiedere di prenderne qualcuna. Forse il proprietario gli avrebbe dato tutto.
    Saluto quel SIGNORE DI 91 ANNI CON TANTO AFFETTO COME FOSSE MIO PADRE.

    Fivizzano

    Giuseppe Rossi

    Rispondi
  4. L’anno scorso ho colto sul fatto due signori che raccoglievano i miei marroni, quando gli ho fatto notare che le piante avevano un padrone (fra l’altro sotto la pianta ci avevo pulito), mi hanno risposto che il bosco era di tutti e potevano prenderli, sono riuscito a mandarli via solo quando ho raccolto un bastone e li ho minacciati.
    Non puoi più avere neanche l’orto che ti portano via anche i fagioli.

    F.G.

    Rispondi
  5. Simona si vede che amano rubare le mele di Marmoreto. Saranno piu’ buone..circa 2 anni fa quando era ancora viva la mia mamma, avevamo un ladro mattiniero che veniva a farsi la sua raccolta di mele entrando proprio in giardino. Solo che una mattina la Guglielmina si e’ alzata più presto di lui.. e l’ha beccato 🍎
    AIME’ MISERA FIGURA TAPINA…

    Cinzia Lombardi

    Rispondi
  6. Un episodio analogo è capitato non molto tempo fa anche dalle mie parti, dove un pesco venne completamente “svuotato”, lasciando esterrefatti i proprietari che non si sarebbero mai aspettati una appropriazione del genere, sia per il gesto sia per la “quantità” visto che quella pianta venne spogliata dell’intero raccolto, e non si trattava pertanto di una semplice “ragazzata”..

    Mi chiesi allora come si possa arrivare a tanto, in spregio a chi cerca ancora di non lasciare in abbandono la terra, e anche al buon senso e alla “misura”, posto che il “raccoglitore” non si era accontentato di un qualche frutto, e mi domandai altresì se tali comportamenti potessero essere a loro volta il “frutto” di quel permessivismo che per anni ci ha fatto guardare con qualche “indulgenza” più d’una “trasgressione”.

    Una riposta certa non è ovviamente possibile, ma l’interrogativo continua a “frullarmi per la testa” allorché si viene a sapere di fatti come questo, anche in altri settori, che rivestono un forte e sconfortante valore simbolico indipendentemente da quello materiale; in ogni caso, al di là delle mie “elucubrazioni”, comprendo l’amarezza della Sig.ra ed esprimo a suo padre la mia solidarietà.

    P.B. 15.09.2019

    Rispondi
  7. Il signore di 91 anni derubato è il mio Già, uno dei miei affetti più grandi. Fra le tante cose mi ha insegnato a “vedere” la bellezza del nostro territorio e quanto sia importante tenerlo da conto. Vorrei dire a quei citrulli che gli han rubato le mele di prendere esempio da lui che nella sua lunga vita ha piantato con infinita passione e generosità tantissimi alberi da frutto e non. Piantare un albero è un gesto di altruismo, perché sarà un bene per il futuro e per tutti. Per tutti ma non di tutti, specialmente se è carico di mele, ma per capire questo ci vuole almeno un barlume di intelligenza…

    Dalmazia Notari

    Rispondi
  8. Extracomunitari non ce ne sono… Vuoi vedere che i “mastorchi” si annidano anche fra gli autoctoni?

    d. n.

    Rispondi
  9. Ad un mio Caro Amico spariva legna pronta da ardere… un bel giorno… stanco di tutto ciò, decise di inserire in una bellissima ” Stiola segnata” una cartuccia da cinghiale senza pallettoni… Ebbene … dopo qualche giorno, in una fredda giornata autunnale… sul calar del tiepido sole… scoprì il colpevole!
    Il LADRO “Nulla disse ” ma da allora la legna non sparì più !!!
    Attenti Ladruncoli… che la pazienza ha limiti e modalità imprevedibili…

    Max

    Rispondi
  10. io avevo seminato in un campo su un cumolo di vecchio letame pante di zucche di allowin per mia figlia e altri ragazzi del paese ma quando erano pronte sparite tutte nemmeno l’educazione di lasciarne alcune vi garantisco che erano perecchie immaginatevi come sono rimasti male i ragazzi
    maleducati e povera gente figuriamoci un signore di 91 anni

    bertoncini savio

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48