Life AgriCOlture a Bruxelles per il via, con Ruffini e Filippi dal nostro territorio

Il Consorzio di Bonifica dell'Emilia Centrale è rientrato recentemente da Bruxelles dove ha partecipato al Life 18 Kick-off Meeting Climate Action Projects. Di fatto un vero e proprio calcio di inizio dei progetti europei Life sezione Clima finanziati nel 2019 in diversi paesi europei, tra cui l'Italia.

All'importante appuntamento il Consorzio di Bonifica dell'Emilia Centrale ha presentato Life agriCOlture, progetto candidato insieme al Consorzio della Bonifica Burana, al Centro Ricerche Produzioni Animali (Crpa) e al Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano.

Presenti all'evento, in qualità di rappresentanti del Consorzio di Bonifica dell'Emilia Centrale, partner coordinatore del progetto, l'agronomo Aronne Ruffini e l'architetto Luca Filippi.

I quattro importanti enti del territorio emiliano si sono impegnati, attraverso il progetto Life agriCOlture, a condividere una strategia di miglioramento della foraggicoltura e della gestione della sostanza organica nel settore zootecnico dell'Appennino emiliano al fine di garantire una più efficace azione di difesa del suolo e di mitigazione del cambiamento climatico.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. L’Europa è vicina. Bisogna lavorarci e crederci. Questo caso lo dimostra . È partita ormai 4 anni fa una riflessione/brain-storming sull’agroecologia con una serata al castello di Crovara. Da lì si sono costruite collaborazioni e alleanze ; si sono fatti caparbiamente tre tentativi; i primi due sono stati bocciati ;al terzo “il life”é stato approvato. Si attraggono così nuove aggiuntive risorse europee in Appennino.Ma soprattutto 15 imprese rappresentative delle nostre diverse agricolture d’Appennino parteciperanno di un ‘azione di ricerca e sviluppo, su un tema di bruciante attualità come il cambiamento climatico che interpella il presente e il futuro di tutti.È un’azione pilota concreta che renderà alcune imprese d APPENNINO più preparate più innovative e più competitive e potrà essere trasferita a questo e altri territori

    Fausto Giovanelli

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48