Berlin Wall anniversary. Speakeasy a cura di Letizia Filippi, Martina Predelli e Alyssa Gregori

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020.


Berlin Wall anniversary

Letizia Filippi, Martina Predelli e Alyssa Gregori

Hi everybody, today we are going to talk about how people in Germany are celebrating  the 30th anniversary of the fall of the Berlin wall. Why do we want to talk about it? Because even though it might seem we are too young to know, and too far away, here on the Appennines, what happened in Germany when the wall came down can and should give everybody, young or old, German or Italian, hope for a better future.

First of all let’s have a quick look at what happened.

The construction of the Berlin wall started on 13th August 1961. It was built by the Government of East Germany to prevent people from the East from entering West Berlin, where life was considered better.

The wall surrounded West Berlin and it divided the city in two completely different parts for more than 28 years.

The Berlin wall was not only a physical wall, it was a symbol of terror, fear, division for friends, neighbours and families. The wall had holes to see behind it, there were some ways to get in touch with people from the other side, but the day the wall was built everything changed.

On 9th November 1989 the wall came down. The day of this fall was the day of reunification, the day when people felt free again. The period of subjection had finally ended.

For lots of German people the fall of the Berlin wall was the best day of their lives. For this reason the anniversary is every year an important day and Germany has planned lots of events to remember and to celebrate it.

All these are taking place at seven venues and on seven days.

The Berlin wall celebrations have started on the 4th of November and will end on 10th of November. They will be dealing with: the history of division, the struggle for freedom, the process of reunification…

There will be open-air exhibitions, festivals, markets,demonstrations.

Mappa delle piazze di Berlino

In Alexanderplatz, for example, there will be an open-air exhibition, 3D video projections of historical pictures to allow people to go back to the time of the Peaceful Revolution.

At Brandenburg Gate there will be a big concert with the participation of lots of national and international artists whose songs and stories will be connected to the event of this important week.

Over two hundred public events will take place in Berlin: concerts of various genres, workshops, film series, readings, contemporary witness talks and discussions with journalists, historians and politicians and also guide tours through Berlin’s history.

The main highlight will be at the Brandenburg Gate on the evening of Saturday 9 November.

As regards history, in numerous Berlin museums you can travel back in time from the Middle Ages to the present. More than 7000 objects at the German Historical Museum tell the story of the German people.

There will be an exhibition dedicated to the story of Berlin’s division. It will explain the political and historical situation of the period and it will show how the brutal division of the city affected the people.

The Heinrich Böll Foundation will show a projection which relates two elements: a concentrated selection of the slogans of the peaceful revolution from October and November 1989 and, as a dialogical counterpoint, the sentence that has become a meme: "This applies, I believe, from now on”.

This artistic montage will open up new associative spaces and invite people to remember and reflect.

Festivals and events:

7 Days – 7 Locations

Un allestimento per le celebrazioni del 2009

For seven days over the course of the festival week, the story of the Peaceful Revolution and the fall of the Wall will be brought to life at the places where it unfolded: these sites will commemorate key events in the overthrow of the SED regime, the courage of those who opposed the dictatorship, and the dawn of a new and democratic era.

On Kurfürstendamm the festival will celebrate the first encounters between West and East Berliners.

Large-scale 3D video projections composed of historical pictures, animations and sound effects will reproduce the atmosphere of each site and the mood of the people at the time, inviting viewers to engage with the past by recounting the stories that unfolded at each location.

People will be able to immerse themselves in the events of that time at the original sites. The recollections of contemporary witnesses will render the exhibition’s narrative even more remarkable: their stories have been collected and curated in an extensive interview project, and will be featured in the exhibitions in the form of quotes and listening stations.

The inhabitants of Berlin and their guests, on the evening of 9 November, will celebrate with a big show at Brandenburg Gate.

The music festival, which will take place in front of Berlin’s most important landmark, as we said before, will bring national and international artists to the stage. All songs and stories will be closely connected to the events of  1989/90.

Another special feature of the festival will  be a floating art installation made up of 30.000 handwritten messages. In fact Berliners and visitors will be invited to share their own messages, wishes and hopes for the future and for the memories of the past which will be integrated into a large scale installation, known as a Skynet, that  will float in the sky during the festival week.

I 30.000 messaggi scritti a mano

The aim of the events  is not only to commemorate the victims of the dictatorship, but also to allow people to experience the historic events of the Peaceful Revolution.

Today, in a globalised and united world,  it’s hard to imagine that thirty years ago someone could have thought, realized and justified the construction of a wall that divided Berlin in two.

These  events remind us that if we want to live in a united world we should stop fighting and building walls.

We would like to conclude by quoting the famous words  that John. F. Kennedy said during his speech in 1963 to bring the Berlin issue  to the attention of the whole world “All free men, wherever they may live, are citizens of Berlin. And therefore, as a free man, I take pride in the words “Ich bin ein Berliner!”

(Letizia Filippi, Martina Predelli e Alyssa Gregori. 5R)

*****

Traduzione

Ciao a tutti, oggi parleremo di come le persone in Germania si stanno preparando per il trentesimo anniversario della caduta del muro di Berlino. Perché vogliamo parlare di ciò? Perché nonostante possiamo sembrare troppo giovani per sapere, e troppo lontani qui negli Appennini, quello che successe in Germania quando cadde il muro di Berlino può e dovrebbe dare a tutti, giovani e anziani, tedeschi o italiani, speranza per un futuro migliore.

Prima di tutto diamo un breve sguardo a ciò che successe. La costruzione del muro di Berlino cominciò il 13 agosto 1961. Venne fatto  costruire dal governo della Germania dell’Est per evitare che le persone si trasferissero a Berlino Ovest, dove la vita era considerata migliore. Il muro circondava Berlino Ovest e divise la città in due parti completamente diverse per più di 28 anni.

Il muro di Berlino non fu solo una parete fisica, fu un simbolo di terrore, paura, divisione per amici, parenti e famiglie. Il muro aveva dei buchi per vedere al di là, c’erano diversi modi per mettersi in contatto con le persone dall’altro lato, ma il giorno in cui il muro venne costruito tutto cambiò.

Il 9 novembre 1989 il muro cadde. Il giorno di questa caduta fu il giorno della riunificazione, il giorno in cui la gente si sentì di nuovo libera. Il periodo della sottomissione era finalmente terminato. Per molti tedeschi la caduta del muro di Berlino fu il giorno migliore della vita. Per questa ragione l’anniversario è ogni anno un giorno importante e adesso la Germania sta pianificando tanti eventi per ricordarlo e celebrarlo. Tutti questi eventi avranno luogo in sette sedi e in sette giorni.

Le celebrazioni del muro di Berlino iniziano il 4 novembre e si concludono il 10 novembre. Tratteranno: della storia della divisione, della lotta per la libertà, del processo di riunificazione… Ci saranno esibizioni all’aperto, festivals, mercati, dimostrazioni.

Nella Alexanderplatz, per esempio, ci sarà un’esibizione all’aperto, proiezioni video in 3D di immagini storiche che permetteranno agli spettatori di tornare indietro al tempo della Rivoluzione pacifica.

Alla Porta di Brandeburgo ci sarà un grande concerto con la partecipazione di molti artisti nazionali e internazionali le cui canzoni e storie saranno collegate all’evento di questa importante settimana.

Si terranno più di duecento eventi pubblici a Berlino: concerti di vario genere, laboratori, film, letture, testimonianze contemporanee e discussioni con giornalisti, storici e politici e anche visite attraverso la storia di Berlino.                                                                                         L’evento principale si terrà alla Porta di Brandeburgo la sera di sabato 9 novembre.

Per quanto riguarda la storia, in molti musei di Berlino si potrà tornare indietro nel tempo dal medioevo al presente. Più di 7000 oggetti nel German Historical Museum parleranno della storia dei tedeschi.                                                      Ci sarà un’esibizione dedicata alla storia della divisione di Berlino che spiegherà la situazione politica e storica del periodo e mostrerà come la brutale divisione della città colpí i suoi abitanti.
La Heinrich Böll Foundation mostrerà una proiezione che farà riferimento a due elementi: una concentrata selezione degli slogan della rivoluzione pacifica di Ottobre e Novembre del 1989 e, come un contrappunto dialogico, la frase che è diventata un meme: “Questo vale, credo, d’ora in poi.” Questo montaggio artistico aprirà nuovi spazi associativi e inviterà le persone a ricordare e a riflettere.

Festival e eventi:  7 giorni — 7 luoghi

Per sette giorni durante la settimana del festival, la storia della rivoluzione pacifica e della caduta del muro saranno riportate in vita nei luoghi dove si sono svolti, questi siti commemoreranno eventi fondamentali nell'abbattimento del partito di Unità Socialista della Germania, il coraggio di quelli che opposero la dittatura, e il sorgere di una nuova era democratica. Al Kurfürstendamm il festival celebrerà il primo incontro tra gli abitanti di Berlino Ovest e quelli di Berlino Est.                                                                                                                                                                                                Su larga scala ci saranno video 3D composti da immagini storiche, animazioni ed effetti sonori che riprodurranno l’atmosfera di ogni luogo e l’umore delle persone a quel tempo, invitando i visitatori a riallacciarsi con il passato raccontando storie in ogni luogo. Ci si potrà immedesimare negli eventi di quel periodo nei luoghi originali. I ricordi delle testimonianze contemporanee renderanno la narrazione dell’esibizione ancora più straordinaria: queste storie sono state raccolte e curate in un ampio progetto di interviste che sarà presente nelle esibizioni sotto forma di citazioni e stazioni di ascolto.

Gli abitanti di Berlino e i suoi ospiti, la sera del 9 Novembre,  celebreranno con un grande spettacolo alla porta di Brandeburgo.

Il festival musicale, che si terrà, come abbiamo detto prima,  di fronte a uno dei monumenti più importanti di Berlino, porterà sul palco artisti nazionali e internazionali.  Tutte le storie e le canzoni saranno strettamente legate agli eventi del 1989/90.

Un’altra speciale caratteristica del festival sarà un'installazione artistica fluttuante costituita da 30.000 messaggi scritti a mano.

Infatti, i Berlinesi e i visitatori saranno invitati a  condividere i loro messaggi, desideri, speranze per il futuro e memorie del passato che verranno integrati in un’installazione su larga scala , chiamata Skynet, che fluttuerà in cielo durante la settimana di festa.

L’obiettivo degli eventi non è solo quello  di commemorare le vittime della dittatura, ma anche  di consentire a tutti di rivivere i momenti storici della rivoluzione pacifica.

Oggi, in un mondo unito e globalizzato, è difficile immaginare che trent’anni fa qualcuno avrebbe potuto pensare, realizzare e giustificare la costruzione del muro che ha diviso Berlino in due.

Questi eventi ci ricordano che se vogliamo vivere in un mondo unito dovremmo smettere di combattere e di costruire muri.

Vorremmo concludere citando una delle migliori frasi che John. F. Kennedy disse durante il suo discorso nel 1963 per portare la questione berlinese in tutto il mondo: “ Tutti gli uomini liberi, ovunque si trovino, sono cittadini di Berlino. Come uomo libero, quindi, mi vanto di dire: sono un Berlinese!”

(Letizia Filippi, Martina Predelli e Alyssa Gregori. 5R)

Bibliografia: www.visitberlin.de; www.berlin.dewww.ap.org ; www.wikipedia.org ; about.visitberlin.de  sites.google.com/la-guerra-fredda

 

Le altre lezioni di inglese.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Powered by WordPress | Officina48