Centenario della centrale elettrica di Ligonchio: Iva Zanicchi al teatro Bismantova

Una serata magica quella di venerdì 13 dicembre al teatro Bismantova di Castelnovo ne’ Monti. In occasione del centenario dalla nascita della centrale idroelettrica di Ligonchio, la compaesana Iva Zanicchi ha ripercorso i successi e le tappe principali della sua vita, emozionando, divertendo e sconvolgendo i più piccoli in sala con i suoi aneddoti e barzellette a luci rosse.

La sua storia di vita si distingue come unica fin dai primissimi istanti quando, nella pancia della mamma, tutti credevano sarebbe nato un bel maschietto.

Iva ci racconta la relazione con il padre, evidentemente deluso dall’apparizione dell’ennesima figlia femmina. Le prime memorie risalgono a quando aveva cinque anni e lo vide tornare in paese, a Vaglie di Ligonchio, a guerra finita. Grazie ai racconti di sua madre e alle vecchie fotografie si era creata, nella mente di bambina, il mito di un uomo alto, biondo, forte e possente. Quell’uomo che vedeva arrivare, attorniato da uno sciame di persone, era invece uno scheletro con gli occhi infossati, vestito di stracci e con ai piedi una scarpa consunta nella destra e uno zoccolo nella sinistra. A suo padre, che iniziò subito a conoscere e amare, ha dedicato “Un uomo senza tempo”, che ha commosso tutta la sala.

Trascinata dal filo dei ricordi non ha dimenticato di citare i personaggi che più hanno segnato la sua vita e carriera di cantante. Gianni Morandi, il fratellino di Bologna con cui cantò al Madison Square Garden, il grande regista Luchino Visconti, per il quale incise la colonna sonora del film “Gruppo di famiglia in un interno” e il poeta Giuseppe Ungaretti.

Un ringraziamento speciale è andato al compositore greco Mikis Theodorakis. I suoi scritti dal carcere, a cui Iva ha prestato la voce, hanno dato vita a uno dei suoi dischi più belli. Sulla musica di “Fiume amaro” ha cantato tutto il teatro, un tributo alla memoria di un così grande uomo e artista.

Iva, però, non poteva lasciarci su note tristi e malinconiche, ma soprattutto senza una delle sue “zingarate”. A conclusione della serata ha cantato il suo pezzo più conosciuto, “Zingara”.

Infine, non ha dimenticato di ringraziare i musicisti, gli organizzatori, la sua famiglia e in particolare Enel Green Power, che scegliendo Ligonchio per istallare una delle primissime centrali idroelettriche del Paese, ha contribuito al benessere economico del territorio e ha reso orgoglioso tutto l’Appennino.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48