La lettera: “I tempi sono cambiati e le frizioni tra le categorie sociali ne sono conseguenza”

Riceviamo e pubblichiamo.

___

Rispuntano le  “frizioni” tra le categorie sociali ?

Un  articolo di Redacon abbastanza recente,  del 28 dicembre u.s., nel quale il presidente Cia fa il bilancio agricolo provinciale del 2019, ha prodotto un commento dove “un artigiano stanco di pagare le tasse solo lui” lamenta il fatto che il settore agricolo sia esonerato da quegli adempimenti ed obblighi fiscali cui sono invece tenuti artigiani e commercianti,   tesi  tuttavia contestata da “un contadino montanaro”, autore di altro e differente commento, stando al quale non è affatto così dal momento che   gli agricoltori non beneficerebbero  di alcun “sconto”o agevolazione, rispetto alle due prime categorie.

esistenza e consistenza della “questione tasse”

Mi sarei aspettato che nel frattempo qualcuno, tra gli addetti ai lavori, ossia tra quanti conoscono come stanno realmente le cose, ci fornisse la versione giusta, per non lasciare dubbi e “sospesi”, e anche perché quello delle imposte e tasse è tema attuale e sentito, e non di rado  divisivo,  ma in ogni caso il disappunto espresso dal predetto  titolare di azienda artigianale, circa la tassazione, va ad aggiungersi alle preoccupazioni esternate, sempre in campo fiscale, in altre righe di Redacon, del 18 dicembre,  dal  titolo “Ci sono regali e regali”, il che sta a confermare l’esistenza e consistenza della “questione tasse”.

Com’è abbastanza naturale, sono in molti a lagnarsi del rispettivo livello di tassazione, ma per qualcuno può esservi un “sovrappeso”, perché la mole degli adempimenti ed obblighi in materia, previsti dai cosiddetti “strumenti antievasione”,  si somma al carico fiscale, con ulteriore aggravio di impegno nonché di costi per l’azienda - intesa nelle sue molteplici forme e tipologie  -  determinando semmai una situazione tale da indurre il titolare a dismettere l’attività, con perdita di reddito per sé  stesso e per la sua famiglia, ed eventuale  sottrazione  di posti di lavoro se l’azienda si avvaleva di  personale dipendente.

attività autonome e ceto medio

E potrebbe essere che tra questi operatori vi sia chi si sente ingiustamente penalizzato rispetto a quanti, svolgendo altro tipo di lavoro, non sono oberati da analoghe incombenze, tanto da far sorgere indesiderabili frizioni tra l’una e altra categoria, il che mi riporta alla mente i tempi in cui c’era invece un “clima” più  tranquillo, perché chi era maggiormente “garantito”, potendo contare al bisogno sull’ombrello sociale, riconosceva di fatto il diritto a “compensazioni economiche” per chi svolgeva attività autonome, piuttosto diffuse nel ceto medio, e non godeva di riflesso delle stesse tutele, oltre a sobbarcarsi il  rischio di impresa

Poi, che io ricordi, su quella sorta di “equilibrio sociale” prese a spirare un’altra aria, e vi si “infiltrò”  l’opinione che le attività autonome potessero essere aree di  evasione fiscale, talché i loro meritati guadagni si attirarono più d’una antipatia, e un fenomeno similare è accaduto pure in seguito, quando più d’uno fu conquistato dall’idea di “far piangere i ricchi”, come se non ci fosse una “ricchezza” molto rispettabile, frutto di intraprendenza, impegno, ingegno, talento.., e anche  benemerita perché può dare occupazione e benessere pure ad  altri, talora a parecchi altri (dando altresì  motivazione e prospettive alla classe media la cui importanza mi sembra universalmente riconosciuta).

P.B.  07.01.2020

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48