Punti nascita, Lega: “Regione riapra punti nascita come promesso da Bonaccini”

La Regione riavvii, nei tempi promessi, l'attività operativa nei punti nascite di Borgo Val di Taro (Parma), Castelnovo Monti (Reggio Emilia) e Pavullo nel Frignano (Modena)”. Lo chiede una risoluzione presentata da Maura Catellani e Gabriele Delmonte (Lega), che invita la Giunta a condividere, con l'Assemblea Legislativa, il parere del ministero della Sanità sul protocollo sperimentale redatto a gennaio 2020 al tavolo di concertazione con gli amministratori dei territori interessati, che prevede il rapido avvio di un percorso, protetto e sicuro, per consentire a un largo campione di donne, su base volontaria, di partorire nei quattro punti nascita di montagna.

Durante la campagna elettorale delle ultime elezioni regionali - scrivono i consiglieri della Lega -, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha promesso la riapertura dei punti nascita in Appennino entro la prossima estate. Le promesse annunciate dal governatore hanno suscitato grande speranza nelle donne della montagna e fra gli abitanti dell'Appennino, in generale che, da anni, si impegnano per il mantenimento di un servizio fondamentale in area periferica”.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

7 Commenti

  1. E’ molto difficile commentare questa notizia senza ricorrere al turpiloquio.
    Bisogna veramente essere di bassa lega, in un momento di emergenza come questo, a fare polemica sulla riapertura dei punti nascita.
    Io spero proprio che i finti verdi (quelli veri sono nati molti ma molti anni prima) spariscano seppelliti dall’indignazione che certe uscite richiama.
    E che quelli che li hanno votati si sveglino dal torpore che ha ottenebrato le loro menti!

    AG

    Rispondi
  2. Guai credere alle promesse nella vita.

    CG

    Rispondi
  3. Mi pare un sollecito politico infelice!
    Credo che in questo momento la sanità regionale concentri tutte le sue risorse possibili per l‘emergenza coronavirus.

    AL

    Rispondi
  4. Anche a me sembra che in questo momento vi siano altre priorità, ma forse i due Consiglieri regionali che hanno presentato la risoluzione in discorso possono spiegare le ragioni di questa loro iniziativa.

    P.B. 06.03.2020

    P.B.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48