Il sindaco Bini: “Basta diffondere notizie false”

Abitare in una piccola comunità provoca spesso un chiacchiericcio insopportabile di false notizie, che in situazioni delicate è ancora più allarmante. La caccia al "cittadino infetto" non solo è insopportabile ma è anche indice di ignoranza.

E' l'allarme che lancia il sindaco di Castelnovo ne' Monti Enrico Bini, che in un post su Facebook scrive:"Buongiorno a tutti. Continuo a vedere fake news e notizie allarmanti su persone del nostro paese che sono ricoverate in ospedale, in quarantena o in osservazione, e in attesa dell'esito del tampone. Due (purtroppo)  sono risultare positive. Volevo ripetervi che queste sono persone, sono nostri amici, nostri conoscenti, che si sono ammalati. E poi ci sono le loro famiglie che con ansia aspettano. Nessuno nasconde e vuole insabbiare nulla. L'igiene pubblica fa il suo lavoro il sindaco fa il suo. Quindi oltre che continuare a stare in casa, magari non diffondete notizie false e allarmanti".

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Grazie Sindaco,un abbraccio alle persone alle persone ricoverate e alle loro famiglie,insieme ne usciremo.

    Manuela P.

    Rispondi
  2. Bravo, Sindaco, confermo tua posizione e determinazione, E… CERCATE DI STARE A CASA IL PIÙ POSSIBILE,
    MONTANARI DIAMO ESEMPIO E DETERMINAZIONE,
    COME DIMOSTRIAMO IN OGNI DOVE….
    IN QUESTI TRISTI GIORNI….
    MA “VERRÀ ANCORA LA PRIMAVERA”
    COME UNA Canzone che canta ANCHE il CORO BISMANTOVA, dal titolo titolo ‘IO RESTO QUI’,…..

    Paolo Ferretti

    Rispondi
  3. Io la “matterei giù” in maniera un po’ diversa, perché se da un lato le piccole comunità favoriscono il pettegolezzo, che talora può essere approssimativo e semmai anche “ingannevole”, e pur vero che all’occorrenza ci si dà una mano, e dunque vi sono importanti e lodevoli “compensazioni”.

    Forse, in questa particolare circostanza, bisognerebbe trovare il modo di fornire un tipo di informazione tale da evitare o ridurre il pettegolezzo, ovviamente con la dovuta riservatezza, ossia nella totale salvaguardia della sfera personale (il che può non essere affatto facile, ma vale la pena di tentarvi).

    P.B. 14.03.2020

    P.B.

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48