D. come Dante… 25 marzo: giornata mondiale dedicata a Dante Alighieri !

Secondo i calcoli degli studiosi, resi complessi dalla molteplicità di sistemi di conto del tempo in vigore nelle epoche passate, il 25 marzo segna l'inizio del viaggio di Dante attraverso i tre Regni - inferno, purgatorio, paradiso. Ecco allora che oggi, in tutto il mondo, si celebra  Dante principalmente attraverso la Divina Commedia, una delle opere più studiate, tradotte e amate della storia. La sua universalità risiede nella capacità di Dante di indagare la complessità della natura umana - ed è proprio questo aspetto a rendere così attuale la sua comedia, a tutte le latitudini.
Proprio oggi, che l'umanità tutta sta affrontando una sfida globale e dai contorni spaventosi, la sua parola può ancora aiutare a nutrire la speranza e la tenacia della volontà, nonostante le difficoltà, la paura e lo smarrimento.
Il club per l'Unesco di Carpineti vi propone allora di seguire la nostra pagina facebook, nella quale troverete i due canti del purgatorio che abbiamo scelto per ascoltare insieme il Sommo Poeta. In particolare, abbiamo scelto il canto I - che fa riferimento alla umiltà e alla "resilienza" della pianta di giunco - e il XXVIII - nel quale Matelda accoglie Dante nel giardino dell'Eden. Anche in questa occasione, nel celebrare il Dante Day, teniamo sempre l'attenzione sul valore delle piante - alle quali le Nazioni Unite dedicano questo 2020.

#restiamoacasa, ma #restiamouniti. E umani.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. Ringrazio già da ora chi mi darà delucidazioni in merito a questo quesito;;Con la definizione IN CACUME il poeta a cosa si riferisce? HO trovato due interpretazioni,1( arrivato in cima) 2( sarebbe salito anche sul monte CACUME) Grazie!!

    Francesco Zambonini

    Rispondi
  2. La questione fra gli studiosi è sempre stata controversa. C’è chi ritiene che la parola cacume (cima) si riferisca alla sommità di Bismantova, chi sostiene indichi il laziale monte Cacume, altra vetta che sarebbe quindi citata da Dante come esempio di asperità, altezza.

    Ivana Cavalletti

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48