The project “In-differenza” and the Red Bench, an interview with Ms Rosanna Fontana. Speakeasy a cura di Emanuele Bonini e Silvia Zobbi

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020.


On the 30th November 2019 a Red Bench was inaugurated in Castelnovo ne’ Monti. We’ve interviewed Ms Rosanna Fontana, who told us about a project she really cares about which intends to sensitize students to femicide and gender-based violence.

From what did the project “In-differenza” start?

Emanuele Bonini e Silvia Zobbi

“The project Indifferenza started a few years ago from a meeting organized by the social services of Castelnovo ne’ Monti and the association Nondasola, an association based in Reggio Emilia mostly known as “the home of women”. Those two organizations, after sharing their considerations on the issue, suggested we work together on this theme. So I joined this project with the 10th grade in which I teach and then, after some time, we extended the project to other classes of our school. Since that moment the 10th grade meets the volunteers from Nondasola Elisa Bianchi e Tiziana Campani for six periods every year. Those meetings want to raise the awareness of the students about femicide and gender-based violence. Moreover the meetings are different from the classic “frontal lesson” and the volunteers help the students to become more aware of what is not only a social problem, but a real tragedy.

Then - thanks to the cooperation of another local association of women Per te – donne insieme contro la violenza whose president is doctor Lorenza Casagrande – we felt the need to find out and educate some Peer-educators, so as to raise even more awareness among students. Some students showed interest in joining these associations, thus they completed a training course and became Peer-educators.

Usually in spring, together with Per te – donne insieme contro la violenza and Nondasola, the students who have become Peer-educators prepare questionnaires, they submit them for the other students from each 10th grade of our school; after having done this, the Peer-educators collect the results, which will then be analysed. The following year they show the collected data to the 10th grade classes at Don Bosco oratory, some surprising facts come out of the analysis, but mostly the need to work on this theme”.

How many Peer-educators do attend our school?

“Currently they are more or less a dozen, but many of them attend the senior year. Therefore we need some new, younger Peer-educators”.

So, the main purpose of the project “In-differenza” is to make people aware of gender-caused violence and femicide?

“Of course. We need everybody to realize that those problems are real.We need to realize that our area is not a “happy place”. In fact, tens of women from our area turn to the office of Nondasola in Reggio Emilia in order to get help. However this is only a little part of the women who really need help, because many of them don’t ask for it. We must realize that, in Italy, a woman is the victim of gender-violence every 15 minutes and every 3 days another woman dies because of it, just because she is a woman. All considered, I would say that raising awareness is the least we can do. Our students, both boys and girls, are really aware of this problem and they usually feel involved”.

What should anyone do, in order to become a Peer-educator?

“Students can come to me and I’ll put them in contact with the associations; or they can directly turn to the association Per te - donne insieme contro la violenza, which is also the one that took care of the Red Bench. Then, after a training course, the students will start working in the school as Peer-educators. Taking into account that students, at school, should study, being a Peer-educator does not take much time; even though civic education is as important as studying”.

What about the Red Bench?

“The project of the Red Bench against gender violence is now widespread everywhere in Italy and it is also here in our mountains. On 30th of November, a Red Bench was inaugurated in Castelnovo ne’ Monti (near the fountain in via Roma) thanks to the sensibility of the women’s associations.

The words engraved on the bench are particularly significant:

The Red Bench is a place occupied by women who, because of gender-based violence, could not live their lives and still be mothers, daughters, sisters and aunts. However, they are there, near us, telling us stories, laughing and listening to us, sitting together on the Red Bench”.

This is rightly the significance of the bench. Often at the foot of the bench there is a pair of red shoes, which is the symbol of the victims of femicide, and this is what happened also for the bench in Castelnovo ne’ Monti.                                                In order to raise the awareness of the population even more, in addition to the first project, Valeria Perdonó, a famous actress, organised and staged, on the same day of the inauguration, a show in the Bismantova Theatre in Castelnovo ne’ Monti. There have also been several lectures, reflections and speeches by experts.

Thanks to one of these, for example, we became aware of the fact that on 9th October 2019 a center for abusive men - Cam - was opened in Reggio Emilia with the support of the association Giovanni XXIII in cooperation with Giovanni Costi. This center welcomes men who have been abusing women. In the center there are fifteen men already present who showed up voluntarily; they are all married and with a medium age of thirty five years old. The attention of this scheme is focused on a common issue which we encounter in awareness-raising projects: the attention is mainly centred on women and often the man takes a back seat; people focus their attention on the victims of the violence, overlooking whoever has generated it”.

Nowadays how much awareness is there among young people, in relation to gender violence?

“Thanks to the advancement of society, in comparison to the ‘90s for example, young people are more and more aware of the necessity of equal rights between men and women, even if some stereotypes and prejudices persist”.

What might be the first warning signs of gender-violence in a relationship?

An early sign could be when the boy controls access to the phone and checks on the girl's calls and texts. Other warning signs are when the boy cuts the girl off from family and friends, when he tells her what to wear and how she should look or when he strongly criticises her for her own opinions.

The school is also responsible for the education to equality of rights, to the respect between individuals, to freedom and it has to provide suitable instruments for prevention”.

We attach some videos and books to help you learn what the problem actually is.

(Emanuele Bonini e Silvia Zobbi, 5R, Liceo Linguistico Dall’Aglio)

*****

Traduzione

Questo progetto da cosa è nato?  

“Questo progetto, il progetto In-differenza, che porto avanti con la mia seconda liceo scientifico da un po’ di tempo e che si è successivamente allargato ad altre classi, è nato diversi anni fa da un incontro organizzato con i servizi sociali di Castelnovo che, in seguito alle loro riflessioni su questo dramma, avevano anche proposto di lavorare nelle scuole, assieme all’associazione Nondasola, centro antiviolenza con sede a Reggio Emilia, conosciuto anche come “la casa delle donne”. Da allora, nella seconda del liceo scientifico da anni, per sei ore ogni anno, vengono le volontarie dell’associazione Elisa Bianchi e Alessandra Campani, proponendo e portando avanti questo percorso di consapevolizzazione con i ragazzi. Le classi in genere sono miste, i ragazzi realizzano dei lavori bellissimi, in più non si tratta della classica lezione frontale e le volontarie aiutano gli alunni a diventare sempre più consapevoli di quello che ormai non è più un problema, ma un dramma.

Dopodiché, grazie anche all’intervento di un’altra associazione di donne, che invece è qui sul territorio - Per te – donne insieme contro la violenza, della quale la dott.ssa Lorenza Casagrande è presidentessa - si è sentita la necessità di individuare e formare dei Peer-educators, per allargare quasi a macchia d’olio la consapevolezza. Da qui diversi alunni dell’istituto hanno manifestato il loro interesse e sono diventati, dopo un percorso di formazione, peer-educators. In genere in primavera, sempre assieme a Per te - donne insieme contro la violenza e Nondasola, i ragazzi stendono dei questionari e li fanno compilare a tutte le seconde di tutto l’istituto, in seguito i dati vengono raccolti ed interpretati dai ragazzi stessi. Dopodiché l’anno successivo, generalmente all’oratorio Don Bosco di Castelnovo, vengono resi pubblici i risultati di questi test, dai quali emergono delle sorprese e soprattutto la necessità di lavorare su tutto questo”.

Quanti Peer-educators sono presenti ora a scuola?

“Attualmente sono circa una dozzina, tuttavia molti di questi sono nelle quinte dell’istituto. C’è quindi bisogno di nuove leve, di ragazzi più giovani”.

Lo scopo principale del progetto è quindi quello di sensibilizzare?

“Certamente. Nella consapevolizzazione del fatto che il problema c’è, che la montagna non è un’isola felice, tant'è vero che a Nondasola a Reggio si rivolgono decine di donne della montagna ogni anno. Di conseguenza è possibile immaginare tutto il sommerso, considerando che le donne che riconoscono di dover chiedere aiuto sono solo la punta dell’iceberg, ma tutte le altre che non lo chiedono sono molto più numerose, se pensiamo che ogni quarto d’ora in Italia una donna viene violentata o subisce una violenza di genere e che ogni tre giorni una donna in Italia viene uccisa proprio in quanto donna, mi verrebbe da dire che sensibilizzare sia il minimo. I ragazzi, sia maschi che femmine, sono, generalmente, molto attenti a tutto ciò e si fanno coinvolgere”.

Per diventare peer-educators cosa bisogna fare?

“Ci si può rivolgere direttamente a me oppure all’associazione Per te - donne insieme contro la violenza, che ha portato avanti anche il progetto della panchina rossa. Dopodiché si inizia un percorso di formazione, per poi lavorare a scuola e nelle classi. Essere peer-educators non comporta un impegno immenso, anche perché i ragazzi a scuola devono studiare, nonostante l’educazione civica e alla cittadinanza siano altrettanto importante rispetto allo studio”.

Per quanto riguarda la panchina rossa?

“Il progetto della “panchina rossa”, contro la violenza di genere è ormai diffuso in tutt’Italia e anche qui in montagna.  Il 30 novembre 2019 è stata inaugurata una nuova panchina a Castelnovo ne’ Monti - oltre alle due già esistenti a Felina e a Ligonchio - vicino alla fontana in via Roma, grazie alla sensibilità delle associazioni di donne.

È molto bello quello che c’è scritto sopra:

La panchina rossa è un posto occupato da tutte le donne che per colpa della violenza non hanno potuto vivere la loro vita ed essere ancora mamme, figlie, sorelle, zie. Ma sono qui vicino a noi a raccontarci storie, ridere ed ascoltarci, sedute insieme sulla panchina rossa.

Questo è appunto il significato della panchina. Spesso ai piedi di queste panchine ci sono le scarpe rosse, simbolo delle vittime di femminicidio, e così è stato anche per l’inaugurazione della panchina di Castelnovo.

Per sensibilizzare ulteriormente la popolazione, oltre al progetto iniziale, Valeria Perdonó, famosa attrice, ha organizzato e messo in scena uno spettacolo al teatro Bismantova di Castelnovo ne’ Monti. Ci sono state anche varie letture, riflessioni e interventi di esperti. In uno di questi, ad esempio, siamo venuti a conoscenza del fatto che a Reggio Emilia - il 9 ottobre 2019 - è stato aperto un centro ascolto uomini maltrattanti - Cam - gestito dall’associazione Papa Giovanni XXIII in collaborazione con Giovanni Costi. Questo centro accoglie e ascolta uomini che hanno fatto o fanno violenza sulle donne. Nel centro sono già presenti quindici uomini che si sono presentati volontariamente; sono tutti uomini sposati con età media di trentacinque anni.

Ciò pone l’attenzione su un problema che spesso si incontra nei progetti di sensibilizzazione: l’attenzione viene posta principalmente sulla donna e spesso l’uomo passa in secondo piano; ci si concentra su chi subisce violenza, trascurando chi la genera”.

Quanta consapevolezza c’è oggi, tra i ragazzi, in merito alla parità di genere?

“Col progredire della società, rispetto agli anni ‘90 per esempio, i giovani sono sempre più consapevoli dell’uguaglianza di diritti tra uomo e donna, anche se alcuni stereotipi e pregiudizi persistono”.

Quali potrebbero essere i primi segnali d’allarme in una relazione?

“Nelle nostre scuole viene fatta una sempre più frequente sensibilizzazione su quelli che potrebbero essere i possibili campanelli d’allarme in un rapporto tra ragazzo e ragazza.

I primi segnali potrebbero essere il controllo del telefono, di chiamate, messaggi o accessi da parte del ragazzo, l’isolamento dal proprio gruppo di amicizie o da attività didattiche scolastiche come gite o uscite, o ancor più grave l’impedimento di vestirsi come si vuole o di esprimere le proprie opinioni e idee.

La scuola educa al rispetto degli individui e purtroppo attraverso terribili testimonianze cerca di prevenire ciò che è chiamato femminicidio”.

(Emanuele Bonini e Silvia Zobbi, 5R, Liceo Linguistico Dall’Aglio)

In allegato sono presenti alcuni video e libri utili per capire quale sia realmente il problema.

Se l'è andata a cercare

Aperto il primo gruppo reggiano per uomini maltrattanti

Nondasola Reggio Emilia

"Un tè alla salvia per Salma" di Fadia Faqir

"Le pantofole dell'orco" di Rosalind B. Penfold

"Il silenzio dell'innocenza" di Somaly Mam

 

Le altre lezioni di inglese.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48