Body language. Speakeasy a cura di Arianna Fontana, Alyssa Gregori e Letizia Filippi

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020.


Good morning, today we are going to talk about body language, about what our body reveals about us. We understand each other by hearing one another speak, but what about hidden feelings? Feelings that can only be understood from movements.

Expressions of the body are a way of communicating without using words. People can “say” a lot without saying anything.

Attitudes of the body express feelings and emotions such as love, fear, suffering, happiness...

Each sensation has its own way of expression:

When you feel powerful you do as animals do, you make yourself bigger, you stretch out, like you’re opening up, you enlarge yourself: this makes others understand that you feel strong, dominant.

For example, whenever you win a competition you put your arms up in a ‘V’ and you make happy faces. This expression was studied by Jessica Tracy, who is a professor of psychology at the University of British Columbia, and it is known as ‘pride’.

But what do you do when you lose?

When you feel powerless you do exactly the opposite: you close up and make yourself as small as you can, trying to protect yourself.

From these behaviours others judge us and make inferences about us.

Speaking about power expressed by our non verbal body language, we found out that it is related to gender too. It’s not surprising that men feel chronically more powerful than women who, in their everyday life, tend to assume poses which make them smaller in order to protect themselves. This happens not because they are really less powerful than men but because our mind changes our body through social conditioning.

But the true question is: ‘Does our body change our mind?’

An experiment has been carried out by Amy Cuddy, an American social psychologist, with her main collaborator Dana Carney, who is an American psychologist too and an Associate Professor of Business at the University of Berkeley. In the experiment some people were asked to adopt, for two minutes, both a high-power pose (like standing up and enlarging themselves) and a low-power pose (like folding up and making themselves smaller). Then they had to answer the question ‘how powerful you feel’ and they had the opportunity to gamble. Both at the beginning of the experiment and in the end a saliva sample was taken.

What was found out is that when you assume a high-power pose, the dominance hormone significantly increases and the stress hormone decreases, so almost 80% will accept to gamble because they feel more self-confident. With an increase in the dominance hormone people are more likely to accept the challenge and risk of gambling. On the other hand whenever you adopt a low-power pose you are less stress reactive and your dominance hormone goes down; at the same time you are less risk tolerant too, so after this part of the experiment most people won’t accept the challenge to gamble. That’s all about the experiment and the answer is: Yes! Not only does our mind change our body but it goes both ways! Another example of this is that we smile when we are happy, but we also feel happy when we are forced to smile by keeping a pen in our teeth. It can seem quite weird but it’s how our body works!

Furthermore, most of the information that we receive during a conversation is expressed by body language and not by words, for example by facial expressions, by gaze and by posture.

This non verbal language includes all the gestures and actions that we unconsciously produce as reactions to emotions, for this reason it’s often difficult to control it.

The face is the first part of the body which is taken into account when we speak about body language. Eyes and mouth are the two main elements of the face that can change depending on the emotion that the person is living in that moment, for instance:

- anger
- happiness
- surprise
- sadness
- confusion

By the eyes we can understand if a person is lying, in fact when we were younger our parents used to ask us to watch them in the face to see if we were lying or telling the truth: in case of shifty eyes it was very likely that you were lying.

Another aspect related to eye language is represented by blinking: fast and more frequent movements of the eyelids show in some cases a lie or the attempt to hide something.

This movement is related to a sensation of discomfort and trouble.

Also the eyebrows indicate sensations: if they assume an unnatural shape they can express disappointment, surprise or fear.

As regards the mouth:

biting the lips is an indicator of anxiety, stress or preoccupation.
pursed lips can represent a sensation of disgust or disapproval.
keeping your mouth covered means disappointment or indicates the attempt to hide a smile.

Speaking about the head:

~ tilting the head to one side means attention towards the person who’s talking to you and it can also be a signal of sweetness or affection.

~ keeping the head down is a symptom of insecurity or incredulity.

~ when the head is steady and the eyes are focused on something it means that the person is lost in their thoughts and reflections.

Especially in this particular period in which we are all obliged to use face masks in order to protect ourselves against Covid, we understand how difficult it is to communicate in a complete and efficient way. Now it is harder to understand what people say and think, because those parts of our bodies that best express what we feel are covered up.

So, from these few lines we can understand how powerful and conditioning emotions are. We can realize that feelings, which are an important “portion” of us and of our lives and which can’t usually be seen directly with our eyes, because they don’t have a shape, can’t be hidden so easily, because they are more evident than we think.

(Arianna Fontana, Alyssa Gregori e Letizia Filippi, Classe 5ªR, Liceo Linguistico Dall’Aglio)

*****

traduzione:

Buongiorno, oggi parleremo del linguaggio del corpo, di ciò che il corpo rivela su noi. Noi ci capiamo a vicenda ascoltandoci parlare, ma per quanto riguarda le sensazioni nascoste? Sensazioni che possono essere comprese solo dai movimenti.

Le espressioni del corpo sono una via di comunicazione che non usa le parole. Le persone possono “dire” tanto, senza dire nulla.

Gli atteggiamenti del corpo esprimono sentimenti e emozioni come l’amore, la paura, la sofferenza, la felicità…

Ogni sensazione ha la sua espressione:

Quando ci sentiamo potenti, facciamo come fanno gli animali, ci rendiamo più grandi, ci allunghiamo, come se ci stessimo aprendo, ci allarghiamo: questo fa capire agli altri che ci sentiamo forti e dominanti.

Per esempio, ogni volta che vinciamo una competizione sportiva, mettiamo le braccia in alto a formare una ‘V’ e la nostra faccia assume un’espressione felice. Questa espressione è stata studiata da Jessica Tracy, professoressa di psicologia all’Università della Columbia Britannica, ed è conosciuta come ‘orgoglio’.

Ma cosa facciamo quando perdiamo?

Quando ci sentiamo impotenti, facciamo l’esatto opposto: ci chiudiamo e ci rendiamo più piccoli che possiamo, tentando di proteggerci.

Da questi comportamenti gli altri ci giudicano e fanno delle deduzioni su di noi.

Parlando del potere espresso dal nostro linguaggio del corpo non verbale, scopriamo che esso è anche legato al genere. Non è sorprendente che gli uomini si sentano cronicamente più potenti delle donne, che, nella loro vita di tutti i giorni, tendono ad assumere pose che le rendono più piccole per proteggersi. Questo accade non perché siano realmente meno potenti degli uomini, ma perché la nostra mente cambia il nostro corpo attraverso il condizionamento sociale.

Ma la vera domanda è: il nostro corpo cambia la nostra mente?

Un esperimento è stato condotto da Amy Cuddy, psicologa sociale americana e dalla sua collaboratrice Dana Carney, psicologa americana e professoressa associata di economia all’università di Berkeley. Nell’esperimento è stato chiesto ad alcune persone di adottare, per 2 minuti, sia una postura di forza (come stare in piedi e allargarsi) che una postura di impotenza (come piegarsi e rendersi più piccoli). Successivamente è stato chiesto di rispondere alla domanda “quanto ti sei sentito potente?” ed è stata data l’opportunità di giocare d’azzardo.

Sia all’inizio, sia alla fine dell’esperimento è stato preso un campione di saliva.

Ciò che è stato scoperto è che quando assumiamo una posa di forza, l’ormone del dominio aumenta significativamente e l’ormone dello stress diminuisce, quindi quasi l’80% accetterà il rischio del gioco d’azzardo perché si sentirà più sicuro di sè. Il motivo è che con un aumento dell'ormone del dominio le persone sono più propense ad accettare la sfida e a rischiare di giocare ai dadi.

D’altra parte ogni volta che adottiamo una posa di impotenza siamo meno reattivi allo stress e l’ormone del dominio scende, allo stesso tempo siamo anche  meno tolleranti del rischio. Quindi dopo questa parte di esperimento un discreto numero non giocherà d’azzardo.

Considerato quindi l’esperimento, la risposta alla domanda che ci siamo fatte è: Sì! Non solo la nostra mente cambia il nostro corpo, ma ciò funziona in entrambi i sensi! Un altro esempio di ciò è che noi sorridiamo quando siamo felici, ma ci sentiamo felici anche quando siamo obbligati a sorridere perché stiamo tenendo una biro tra i denti. Può sembrare un po’ strano, ma è così che funziona il nostro corpo!

Inoltre, gran parte delle informazioni che riceviamo durante una conversazione è espressa dal linguaggio del corpo e non dalle parole, ad esempio dalle espressioni facciali, dallo sguardo o dalla postura.

Questo linguaggio non verbale include tutti i gesti e le azioni che produciamo inconsciamente come reazioni alle emozioni, per questo spesso è difficile controllarlo.

Il viso è la prima parte del corpo presa in considerazione quando parliamo di linguaggio del corpo. Occhi e bocca sono i due principali elementi della faccia che possono cambiare a seconda dell’emozione che la persona sta vivendo in quel momento, ad esempio:

- rabbia
- felicità
- sorpresa
- tristezza
- confusione

Dagli occhi possiamo capire se una persona sta mentendo, infatti da piccoli i nostri genitori spesso ci chiedevano di guardarli in faccia per vedere se stavamo mentendo o se stavamo dicendo la verità, nel caso di sguardo sfuggente era molto probabile che si stesse mentendo.

Un altro aspetto legato al linguaggio degli occhi è rappresentato dallo sbattere delle palpebre: i movimenti veloci e più frequenti delle palpebre mostrano in alcuni casi una menzogna o il tentativo di nascondere qualcosa. Questo movimento è legato alla sensazione di disagio o difficoltà.

Anche le sopracciglia indicano delle sensazioni: se assumono una forma innaturale possono esprimere disappunto, sorpresa o paura.

Per quanto riguarda la bocca:

mordersi le labbra è un indicatore di ansia, stress e preoccupazione.
labbra arricciate o serrate possono rappresentare la sensazione di disgusto o disapprovazione.
tenere la bocca coperta significa disappunto o indica la volontà di tenere nascosto il sorriso.

Parlando della testa:

~ inclinare la testa da una parte significa attenzione nei confronti della persona che sta parlando e può anche essere segnale di dolcezza o affetto.

~ tenere la testa bassa è sintomo di insicurezza o incredulità.

~ quando la testa è ferma e gli occhi sono focalizzati su qualcosa significa che la persona è persa nei suoi pensieri e nelle sue riflessioni.

Anche in questo periodo particolare, nel quale siamo obbligati ad utilizzare le mascherine per proteggerci dal Covid, si capisce come sia difficile comunicare in modo completo ed efficace. Ora è più difficile comprendere cosa dicono e pensano gli altri perché una parte del corpo molto utile per esprimersi è coperta.

Quindi, da queste poche righe possiamo comprendere quanto siano forti e condizionanti le emozioni. Possiamo realizzare che le sensazioni, che sono una “porzione” importante di noi e della nostra vita e che solitamente non possono essere viste con gli occhi direttamente, perché non hanno una forma, non possono essere nascoste così facilmente, perché sono più evidenti di quanto pensiamo.

(Arianna Fontana, Alyssa Gregori e Letizia Filippi, Classe 5ªR, Liceo Linguistico Dall’Aglio)

Bibliografia: news.biancolavoro.it

Youtube video: “Your body language may shape who you are” | Amy Cuddy

 

Le altre lezioni di inglese.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48