Ciao Roberta, eri un fiore della nostra montagna

Roberta con i genitori e il fratello nel bar Molino Vecchio

A volte la speranza è l'ultima a morire (così si dice ma non sempre è vero), in questo caso però a morire, lasciandoci troppo presto, sei stata tu dolce Roberta.
Voglio ricordati come la ragazza bella, solare e grintosa che eri.

Penso a tutte le volte che venivo nel vostro bar a Cà Bracchi e tu mi accoglievi con un sorriso, era bello incontrarsi e scambiare due chiacchiere, tra un tesserino dei funghi e un caffè.

A Stefano tuo fratello ai tuoi genitori Rino e Angela voglio dire, che siete stati fortunati ad avere una sorella e una figlia cosi in gamba, è evidente che siete stati in grado di trasmetterle i giusti valori, e un forte attaccamento al suo paese e ai suoi monti.

In questo momento di grande dolore capisco che nessuna parola possa confortarvi, e in fondo è giusto cosi.

In questo mondo che va sempre così di corsa, si cerca sempre di passare oltre il più in fretta possibile, di dimenticare alla svelta, ma io credo che la mancanza di qualcuno vada elaborata con il giusto ritmo, affinchè il ricordo diventi dolce con il passare degli anni e non lasci l'amaro in bocca per una perdita così ingiusta.

Capisco che il destino (per chi ci crede) o semplicemente la vita, con voi avrebbe potuto essere sicuramente più indulgente, più amorevole. Ha scelto invece, di farvi conoscere così a tradimento, il suo volto peggiore.
Per quanto mi riguarda, voglio ricordami di Roberta come di una bella persona , che non aveva sicuramente paura della vita e forse, neanche della morte.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

5 Commenti

  1. La Roberta era una mia compagna di classe a geometri. Mente brillante (in matematica e costruzioni era un portento), animo gentile, risata contagiosa…. l’Appennino ha perso una montagna!

    Luca Bertolini

    Rispondi
  2. Cara Roberta, con tanta tristezza nel cuore sono passata questa mattina a salutarti per l’ultima, e questa è proprio l’ultima, volta. Non passavo spesso da Case Bracchi ma ogni volta era un piacere incontrarvi, tu sempre gentile e sorridente, come del resto tutta la tua famiglia. Ora i tuoi cari sono rimasti attoniti nel dolore. Tocca a te consolarli ed aiutarli a superare questo momento così delicato e triste. Ciao dolce creatura, riposa in pace.

    Giorgio e Paola Caselli

    Rispondi
  3. Le mie più sentite condoglianze per questa grandissima perdita

    Chesi Luciano e famiglia

    Rispondi
  4. Sentite condoglianze alla Famiglia,per il prematuro ritorno al Padre della cara Roberta.
    Rimarrai sempre nei nostri cuori!
    Famiglia Malagoli di Sologno.

    Valterino Malagoli

    Rispondi
  5. le mie piu’ sentite condoglianze a Rino Angela e Stefano
    fatevi forza per superare questo doloroso momento
    la Robby vegliera’ su di voi

    Marco Bertoia

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48