Why can’t we stop abusing animals? Their exploitation is central in the spread of diseases, but politics won’t dare to make the connection. Speakeasy a cura di Anna Ascani e Milena Zanelli

Continua la collaborazione tra il liceo linguistico "Cattaneo dall'Aglio" e Redacon tramite la rubrica "Speakeasy" curata direttamente dagli studenti, dell'anno scolastico 2019-2020.

Anna Ascani e Milena Zanelli

Nick Cohen is a British journalist and writer who has written an article  for the “Guardian” concerning the link between animal exploitation, the overconsumption of meat and antibiotics and the spreading of viruses.

He thinks that the changes that happen in our world unfortunately won't change our ideas, but they only reinforce our prejudices.

According to all reports, Coronavirus would have started in China in a specific area. The main theory about its spread is  the intensive animal farming and selling, even of exotic species.

He writes that the SARS epidemic very likely came from bats. Since in China bats can be used to treat eye diseases, there can be a link between this practice and Sars and Covid-19.

The communist party doesn’t like to share information and is wary of those who try to warn about any danger, as doctor Li Wenliang did for Covid-19.

But Cohen also thinks that  it’s not right to blame just the Chinese communist party, because there are other serious epidemics like Ebola and Mers  which strongly affect other parts of the world and which were likely originated from animals.

Beyond political issues, the journalist focuses on the exploitation of exotic animals, which increases the risk of “spillover” of diseases from one species to another, humans included. Since  these animals are used in the East as medicines and food, the dangers are very real.

However, it is not enough to criticise these traditions without looking with the same critical eye at what is happening in Europe. He is really critical of the way in Europe we tend to follow slogans aimed at having other countries change their attitudes while we are not ready to change our own attitudes, for example we aren’t ready to change our diets.

Cohen maintains that, if antibiotic resistance continues to grow, we'll get to a point where the medical progress will stop so that even the most basic surgical procedures could be fatal.

Why can the over-use of antibiotics be so harmful for animals and, as a result, for humans? Let's take into consideration poultry farms. The poultry are given copious amounts of antibiotics because, being locked up in overcrowded conditions, they get sick and they are not given time to heal. The same happens to breeding sows, who are not given the time to recover between pregnancies. These antibiotics stay in the animals’ organisms  and, as a consequence, we ingest them.

In order to protect our future, Cohen thinks that we should control the production of meat in the same way we control alcohol and tobacco, and the trade of exotic animals should be outlawed as the illegal trade in weapons.

If it's true that changes modify ideas, this should make us consider changing our usage of animals meat, not necessarily by removing it entirely from our diet and becoming vegans. It would be enough to pay attention to the origin and the kind of meat production and make a moderate intake, alternating our food habits.

Unfortunately, these ideas are not spreading as they should be. What we should do is changing our lifestyles. We have to consider that everything is connected, so, for example if we eat too much meat, we contribute to the production of greenhouse gasses, and we damage our own health because the antibiotics they took will pass into our body.

Nobody knows what the political and economic consequences of this epidemic will be, we only know that there will be consequences.

According to Cohen, we all should become vegans, in order to protect our environment entirely, but this is surely utopian. Even politicians don’t dare to organize campaigns to convince people to restrict meat consumption, because nobody would listen to them and they would be criticized for having damaged the poor ones, who are the ones who can’t afford a healthy and more expensive diet, and wanting to change our traditions.

In the meantime the powerful people of the world are blaming each other, saying what each of them would have done if the virus had never spread beyond Wuhan's markets.

At the end of his article, Cohen mentions Max Planck, who said that a new scientific truth doesn’t triumph by convincing its opponents, rather “its opponents eventually die and a new generation grows up that is familiar with it”, meaning that the enemies of scientific truth are not likely to change their minds, but they'll eventually die and science will triumph anyway. So, sooner or later we'll have to accept what should already be crystal clear.

Anna Ascani and Milena Zanelli  4ªQ

*****
Perchè non riusciamo a smettere di sfruttare gli animali?
Il loro sfruttamento è centrale nella diffusione delle malattie, ma la politica non ha il coraggio di vedere la connessione tra i due fattori.

Nick Cohen è un giornalista e saggista britannico. Ha scritto un articolo per il “Guardian” che riguarda il rapporto tra lo sfruttamento animale, l’eccessivo consumo di carne e antibiotici, e la diffusione dei virus.

Egli sostiene che i cambiamenti che si verificano nel mondo rinforzano i nostri pregiudizi.

Tutto ciò che riguarda il Corona virus sarebbe iniziato con l’allevamento intensivo e la vendita di animali, anche esotici, in Cina. Secondo le fonti, il Coronavirus sarebbe nato in Cina, in un'area circoscritta. La teoria principale della sua diffusione è legata ad allevamento intensivo e vendita di animali, anche esotici. Cohen scrive anche che l’epidemia di Sars è stata trasmessa molto  probabilmente dai pipistrelli. Dal momento che in Cina i pipistrelli possono essere usati per curare le malattie agli occhi, ci può essere un collegamento tra questa pratica, la Sars e il Covid-19.

Il partito comunista cinese non ama condividere informazioni come non ama chi avverte degli eventuali pericoli, come è accaduto con il dottor Li Wenliang per il Covid..

Cohen pensa però che non sia giusto incolpare solamente il partito comunista cinese, perché altre epidemie gravi, come Ebola e Mers hanno  colpito altre parti del mondo e molto probabilmente provengono dagli animali.

Al di là delle questioni politiche, il giornalista si concentra sullo sfruttamento di animali esotici, che incrementa il rischio di “spillover” delle malattie da una specie all’altra, umani inclusi. Dal momento che in Oriente questi animali sono usati come medicine e cibo, il pericolo è reale. Tuttavia non è sufficiente criticare queste tradizioni senza guardare con lo stesso occhio critico a quello che succede in Europa. Cohen si dimostra molto critico verso il modo in cui in Europa siamo bravi a produrre gli  slogan tesi a cambiare le abitudini degli altri paesi, mentre non siamo pronti a cambiare le nostre abitudini, per esempio non siamo pronti ad introdurre cambiamenti nella nostra dieta.

Cohen sostiene che se la resistenza agli antibiotici continuasse a crescere, raggiungeremmo il punto in cui il progresso medico si fermerebbe e quindi anche gli interventi chirurgici più semplici potrebbero essere fatali.

Perchè il sovradosaggio di antibiotici può essere così dannoso per gli animali e di conseguenza per l’uomo? Prendiamo ad esempio gli allevamenti di polli. Questi vengono imbottiti di antibiotici perchè, essendo rinchiusi in gabbie troppo strette e affollate, si ammalano e non viene dato loro il tempo di guarire. Lo stesso avviene per le scrofe, alle quali non viene dato il tempo di riprendersi tra una gravidanza e l’altra. Questi antibiotici restano nell’organismo degli animali, di conseguenza li ingeriamo anche noi.

Per proteggere il nostro futuro, Cohen pensa che dovremmo controllare la nostra produzione di carne proprio con lo stesso livello di attenzione che abbiamo nel controllare il commercio di alcol e tabacco e il commercio di animali esotici dovrebbe essere illegale come il traffico di armi.

Se è vero che i cambiamenti modificano le idee, questo dovrebbe portarci a modificare il nostro consumo di carne animale, non necessariamente eliminandolo e diventare vegani, ma basterebbe fare attenzione alla provenienza e al tipo di produzione della carne e farne un consumo moderato, seguendo una dieta varia e bilanciata.

Queste idee non si stanno diffondendo come dovrebbero, purtroppo. Ciò che dovremmo fare è cambiare il nostro stile di vita. Dobbiamo considerare che tutto è collegato, per esempio se mangiamo troppa carne contribuiamo alla produzione di gas serra e danneggiamo la nostra salute perchè gli antibiotici somministrati agli animali passano nel nostro organismo.

Nessuno sa quali saranno le conseguenze politiche e economiche di questa epidemia, si sa soltanto che ci saranno.

Secondo Cohen, dovremmo diventare tutti vegani, in modo da proteggere interamente il nostro ambiente, ma questo è certamente utopistico. Persino i politici non si azzardano a organizzare campagne per convincere le persone a ridurre il consumo di carne, perché nessuno li ascolterebbe e verrebbero criticati per aver danneggiato i poveri, quelli che non possono permettersi una dieta più salutare e cara, e per voler cambiare le nostre tradizioni.

Nel frattempo i potenti del mondo si incolpano a vicenda, dicendo quello che avrebbero fatto se il virus non si fosse mai diffuso oltre i mercati di Wuhan.

Alla fine di questo articolo, Cohen cita Max Planck il quale disse che una nuova verità scientifica non trionfa convincendo i suoi oppositori, piuttosto “i suoi oppositori moriranno e la nuova generazione la accetterà”, ovvero che gli oppositori delle verità scientifiche non cambieranno opinione, ma alla fine moriranno e la scienza trionferà comunque. Quindi prima o poi dovremo accettare ciò che dovrebbe già esserci chiarissimo.

Anna Ascani e Milena Zanelli 4ªQ

https://amp.theguardian.com/commentisfree/2020/apr/11/surely-the-link-between-abusing-animals-and-the-worlds-health-is-now-clear

Le altre lezioni di inglese

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48