Antonio Manari nuovo presidente dell’Unione Montana Appennino

Nella serata di martedì, nell’ambito del Consiglio dell’Unione Montana Appennino, sono state rinnovate le cariche dell’ente. Il passaggio avrebbe dovuto avvenire in primavera, ma tutto era stato posticipato a causa della situazione d’emergenza legata al coronavirus. Il nuovo presidente dell’Unione Appennino è Antonio Manari, sindaco (Pd) di Ventasso.

Vicepresidente è Stefano Costi, sindaco (civico) di Casina. Resteranno in carica per un anno.

Sono stati nominati anche il nuovo presidente del Consiglio dell’Unione, che avrà ruoli di gestione delle assemblee consiliari, che è Luca Zini esponente di minoranza a Casina, e vicepresidente Patrick Fogli, esponente di minoranza a Carpineti.

Antonio Manari succede a Enrico Bini. La sua presidenza era stata concordato nei mesi scorsi e caldeggiata dal Pd montano. E' letta, in realtà, da molti come segno di attenzione al crinale che, in Appennino, è la parte che maggiormente soffre in fatto di tenuta economica e demografica.

Slitta, di fatto, di almeno un anno la nomina di Tiziano Borghi, sindaco di Carpineti, che sino all'epoca veniva dato come successore (civico) di Bini.

“Lo scorso anno – spiega il nuovo oresidente, Antonio Manari – avevamo approvato una variazione ai regolamenti dell’Unione, che ora prevedono una rotazione annuale della carica di presidente. Una durata temporale contenuta affinchè siano coinvolti tutti i Sindaci dei sette Comuni appenninici, così che possa crearsi una partecipazione maggiormente collegiale ai procedimenti e alle scelte legate all’Unione. Si parte da Ventasso, ma poi seguiranno i sindaci di Carpineti, Toano, Villa Minozzo e così via. Il ruolo del presidente sarà di fatto quello di semplice portavoce dell’organo deliberante, ovvero la Giunta dell’Unione. Nella prossima seduta ci sarà anche la nuova attribuzione delle cariche di assessori ai vari sindaci: aumenterà la loro presenza sui diversi temi in capo all’Ente, che sono prima di tutto la gestione associata di servizi tra i sette Comuni, la gestione degli interventi sul dissesto idrogeologico, e l’avanzamento dei progetti legati alla Strategia nazionale Aree Interne”.

Conclude Manari: “Sempre nell’ambito della variazione al regolamento, era stata introdotta la figura del Presidente e del vicepresidente del Consiglio dell’Unione, che hanno cariche di gestione degli interventi durante i consigli. Arriviamo ad introdurla concretamente con la nomina di Zini e Fogli. Ricordo che essendo l’Unione un ente di secondo grado, tutte le cariche non prevedono indennità”.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Buon lavoro al sindaco Manari e speriamo che, da presidente, in Unione si faccia vedere più spesso di quanto accaduto in passato.

    Antonio D. Manini

    Rispondi
  2. Anch’ io auguro buon lavoro al dott. Manari.
    Anch’ io mi auguro che possa notarsi la sua presenza ora in qualità di
    presidente dell’ unione montana dei comuni dell’ appennino Reggiano.
    Durante il mandato di sindaco del Ventasso, fino ad ora, a Ligonchio l’ abbiamo visto davvero molto raramente.
    Speriamo la causa sia che abbia frequentato di più Busana, Collagna e Ramiseto.
    Comunque sia, buon lavoro e speriamo di vederLa qualche volta anche a Ligonchio.

    Saluti.

    Vittorio Bigoi

    Vittorio Bigoi

    Rispondi
  3. complimenti Dottor Manari. Aumenteranno un pò gli impegni ma sarà senz’altro una buona occasione per far fare bella figura ai suoi comuni riuniti (Busana,Collagna,Ramiseto e Ligonchio). Una sola cosa Le vorrei chiedere .. che riguarda il bel paese turistico di Cervarezza. Molto bella la nuova sede del Comune, però cè una cosa che mi fa un pò dispiacere. E cioè che le CAMPANE della vostra bella Chiesa NON SUONINO PIU’ !!!??? Sono un “pianzan” di Reggio di 63 anni e da 12 anni ho la casa a Cervarezza. Le campane sicuramente non “attaccano” il Covid 19 e non capisco perchè , dopo la sopportazione di tanti divieti e negazioni, si debba subire la mancanza del bel suono delle CAMPANE. Non si dovrebbe sentire dalla maggioranza degli abitanti ??? grazie per un suo cortese parere e “indagine” …. Cordialmente. ALESSANDRO SIMONINI (via della Resistenza – Cervarezza Terme)

    alessandro _ Cervarezza

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48