Caso Dentix: Adiconsum diffida Deutsche Bank

“Devono essere i pazienti a scegliere da chi ricevere gli interventi necessari a completare le cure dentali lasciate in sospeso da Dentix"

Questo è quanto afferma in una nota l'associazione dei consumatori della Cisl sul caso della catena di centri odontoiatrici che ha presentato in tribunale istanza pre-fallimentare. "Non possiamo accettare che alcune finanziarie si stiano ‘prodigando’ a contattare gli utenti, peraltro bypassando l’Associazione consumatori, per proporre strutture alternative (e a loro convenzionate) in cui continuare le cure".

“Si tratta di tentativi di compromesso al ribasso con mere finalità dilatatorie– afferma Massimo Rancati, operatore Adiconsum - per tentare di salvare in extremis un finanziamento che, invece, deve cadere”.

"Abbiamo già diffidato del caso Deutsche Bank a proseguire con le operazioni sopra descritte, ribadendo che gli ex pazienti della catena hanno il diritto di sciogliere il contratto senza ritardi o proposte alternative, con la restituzione delle rate versate, alla luce della diffida ad adempiere rimasta inevasa da Dentix e come previsto dall’art. 125-quinques del Testo Unico Bancario. Saranno poi i consumatori – e non certamente le finanziarie per loro conto – a scegliere il diverso professionista sanitario a cui dare fiducia" -  concludeRancati.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48