Home Homepage Croce Verde Villa Minozzo: come effettuare un primo soccorso nel rispetto delle...

Croce Verde Villa Minozzo: come effettuare un primo soccorso nel rispetto delle misure anti-Covid

18
0

Al via il nuovo corso di primo soccorso della Croce Verde di Villa Minozzo: l’iniziativa formativa è rivolta a privati, aspiranti volontari, artigiani, commercianti e dipendenti.

Come agire in modo efficace in caso d’emergenza? E' l'obiettivo del corso di primo soccorso che avrà inizio nei
prossimi giorni nelle aule del centro formazione della Croce verde di Villa Minozzo, in piazza del Volontariato. "Durante il corso saranno anche approfondite - evidenzia la pubblica assistenza villaminozzese - le procedure di
sicurezza per la gestione del Covid-19, necessarie per salvaguardare dal rischio di contagio, durante un intervento, sia chi opera che colui che è assistito”.

Il primo appuntamento dell'iniziativa, rivolta a tutte le persone dai quattordici anni d’età, è previsto per lunedì 14 dalle 20.30, cui faranno seguito altre tre serate giovedì 17, lunedì 21 e giovedì 24 settembre.
“Si tratta della cinquantatreesima edizione - sottolinea la Croce verde - e la partecipazione è, come sempre, gratuita, con frequenza obbligatoria".

Il corso coinvolge non solo i privati, fra cui i nuovi aspiranti volontari della nostra onlus, ma anche artigiani, commercianti e lavoratori dipendenti, dalle imprese alle scuole, alle pubbliche amministrazioni. Tutti coloro che, per motivi professionali, sono invitati ad acquisire un’idonea certificazione, nel rispetto delle norme di tutela della salute sui luoghi di lavoro, con il superamento di test teorici e pratici. I test saranno condotti da formatori iscritti all’apposito albo dell’Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze) dell’Emilia Romagna, in base a quanto previsto dall’accreditamento regionale.

Le iscrizioni resteranno aperte fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti in base alle misure di legge per il contenimento della pandemia.

“Il primo soccorso è una delle formazioni più richieste - conclude il sodalizio - sapere cosa e come si deve fare, cos’è bene e non è bene fare, rappresenta un aiuto fondamentale a medici e infermieri".

Articolo precedenteAddio ad Anna Maria Farina, moglie di Sergio Sironi fortemente impegnata nel Comitato Gemellaggi
Articolo successivoRacconto di viaggio: da Vallisnera a Cervarezza con bimbi, ragazzi e asini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.