Giarêda e coronavirus

Ebbene si! Anche quest'anno è andata bene! Con Annalisa Bertolotti ho condiviso il primo premio per la sezione Fabbriceria al concorso della Giarêda 2020, con la poesia Madunîna d' la Giâra e Coronavirus. Se interessa aggiungo il testo, logicamente nel dialetto della valle del Tassobio. La premiazione, nella foto di Luca Accorsi, si è svolta nella Sala Tricolore con tutte le cautele di circostanza.

Dentr'a cla cêša lârga, ešagerâda,

alta, ch' l'arîva in cêl,

a V' srà pârs d'êsre stâda abandunâda,

dai vòster tân-c fedel,

quànd, a causa d' cul mâl ch'al gîra int l'ària,

la gênta l'ê sparîda.

La srê ânch gnûda a cuntav túta la stòria,

ma l'êra spajurîda.

L'ê armâša strìca in ca', lì, peršunêra,

scûša addrêda a la tenda,

a guardâr cùma a fnîva la facènda,

sperànd ch'l'a n' fús mia vera!

Infermiêr e dutûr i' han lavurâ

che d' mèj in prîvne fâr,

ma l'êra un fat tròp gròs, mai capitâ,

difìcil da afruntâr.

Pu', quand i' s'han šligâ, che disciplîna!

Luntân un mètr' almêno!

La búca strìca cûn la mascarîna!

Parlâr? Ma fên a meno”!

Fôrs quercadûn V' preghêva da luntân

'rcmandand la su' famìa.

Adès i' artûrni, cmé da scûš, piân piân,

a dîr 'n Avemaria.

I' artûrni, e la sperânsa l'ê che prèst

a fnìsa ste calvàri

per gnîr a Mèsa e ânch a tút al rèst

lì, int al vòster Santuàri.

Dentro quella chiesa ampia, esagerata, - alta, che arriva al cielo, - Vi sarà parso d'essere stata abbandonata, - dai tanti vostri fedeli, // quando, per quel male che circola nell'aria, - la gente è sparita. - Sarebbe anche venuta a raccontarvi tutta la storia, - ma era spaventata. // È rimasta chiusa in casa, lì, prigioniera, - nascosta dietro la tenda, - ad osservare come finiva la faccenda, - sperando che non fosse vero! // Infermieri e dottori han lavorato - che di più non potevano fare, - ma era un evento troppo grosso, inaspettato, - difficile da affrontare. // Poi, quando ci hanno liberati, che disciplina! - “Lontani un metro almeno; - la bocca chiusa dalla mascherina. - Parlare? Fatene a meno”! // Forse qualcuno vi pregava da lontano - raccomandandovi la propria famiglia, - Ora tornano, furtivi, piano piano, - a recitare un'Avemaria. // Tornano, e la speranza è che presto - termini questo calvario - per ritornare a Messa e a tutto il resto - lì, nel Vostro Santuario.

 

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Complimenti!!!

    Angela Pietranera

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48