Da lunedì ripristinate le aperture ordinarie degli uffici postali di Trinità, Cervarezza e Gazzano

Poste italiane comunica che, dal 21 settembre prossimo, tornano le aperture standard che erano in vigore prima dell'emergenza sanitaria, in sei uffici postali del territorio reggiano.

Oltre agli uffici di Calerno, Barco e Cadelbosco, sono coinvolti gli uffici postali di Trinità e Cervarezza, che apriranno tre giorni a settimana, nonché quello di Gazzano, che aprirà due giorni a settimana.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

3 Commenti

  1. Le imprese del Comune di Ventasso sono situate tutte a Ramiseto… qui la posta prima del COVID 19 era aperta tutti i giorni ora SOLO 3 giorni a settimana, neanche il giorno di mercato è aperta, per gli anziani dell’alta montagna a noi serve aperta tutti i giorni.
    Cervarezza e Busana, possono fare anche con solo una posta vista la distanza, minima, considerando che Busana è aperta TUTTI i giorni.

    IMPRENDITORI E NON DI RAMISETO

    Rispondi
  2. Le imprese del Comune di Ventasso sono situate tutte a Ramiseto… qui la posta prima del COVID 19 era aperta tutti i giorni ora SOLO 3 giorni a settimana, neanche il giorno di mercato è aperta, per gli anziani dell’alta montagna a noi serve aperta tutti i giorni.
    Cervarezza e Busana, possono fare anche con solo una posta vista la distanza, minima, considerando che Busana è aperta TUTTI i giorni.

    IMPRENDITORI E NON DI RAMISETO

    Rispondi
  3. Sui paesi montani, come lo sono in città, ci sono servizi che devono essere disponibili tutti i giorni, specie nelle zone dove ci sono maggiori difficoltà a spostarsi; pertanto quanto sostiene “l’ex” Imprenditore di Ramiseto è più che condivisibile, dico “ex” perchè se non cambiamo le cose imprenditore lo sarà ancora per poco. Servizi come la scuola, il trasporto, la telefonia, i presidi medici, quelli sociali e i servizi postali devono essere garantiti sempre, se vogliamo che l’economia di paesi come Ramiseto, Busana, Collagna e Ligonchio abbiano un futuro. Ridurre i servizi sui paesi montani, come quello delle poste, significa non avere capito nulla di ciò che serve; chi verrà mai ad investire su un territorio che non dispone neppure di un servizio postale tutti i giorni? nessuno.

    Franzini Lino

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48