Appenninica MBT Race: a Castelnovo inizia la tappa più dura. Un anello denominato “The rock” che si sviluppa lungo tutto l’Appennino / IL VIDEO

La tappa più dura di Appenninica MTB Race 2020 è arrivata a Castelnovo. Seppur di pochi minuti, solo i primi quattro classificati della “Queen Stage” sono riusciti a fermare il cronometro al di sotto delle 6 ore di corsa.

All’arrivo in salita in Via alla Pieve a Castelnovo sono arrivati in volata i primi due della classifica generale con l’olandese Hans Becking che ha preceduto di un solo centesimo di secondo il portoghese Tiago Ferreira. Volata anche per il terzo posto con il francese Joseph De Portere che ha conquistato il podio davanti a Lorenzo Samparisi. Fra le donne si è aggiudicata la tappa la svizzera Esther Suss. I reggiani Federico Celeghini e Andrea Olivi sono giunti insieme al traguardo con un tempo di 7 ore e 47 minuti.

Appennica MTB Race prevede per domani una tappa ad anello denominata “The Rock” che si sviluppa tutta in Appennino Reggiano. Il via da Piazza Peretti a Castelnovo è previsto per le ore 9.30.  Gli atleti si dirigeranno verso lo Sparavalle, poi verso il Lago Calamone e Ventasso Laghi per poi rientrare a Castelnovo attraversando Cervarezza, Busana e nuovamente le pendici della Pietra di Bismantova. Una lunghezza totale del percorso di 50 km per un dislivello di 1800 metri.

 

Poco dopo la partenza da Castelnovo Monti di giovedì 1° ottobre per la tappa ad anello denominata "The Rock" il video in diretta su Facebook di Marisa Marazzi.

 

 

Appenninica MBT Race - appena partiti da Castelnovo ne Monti per la tappa ad anello "The rock"

Pubblicato da Redacon E Radionova su Giovedì 1 ottobre 2020

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Bella manifestazione ma, Castelnovo che dice di essere un paese x lo sport, dovrebbe anche avere una rete stradale x lo sport. Non e’ possibile che x ogni evento sportivo e non, organizzato in centro, la SS 63 che attraversa il paese diventi una colonna di auto lunghissima. Ci sono persone che, purtroppo,hanno orari di lavoro e visite mediche con orari da rispettare, figli e nipoti da prendere e portare e non possono perdere 30 minuti incolonnati nel traffico. Si rifletta su questo.

    Stalingrado

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48