Tempi duri per i porta a porta di Iren

Addetti al controllo di Iren, scambiati per potenziali truffaldini. Nei giorni scorsi due giovani con tanto di tesserino erano operativi per le case del Comune di Toano. "Mi hanno citofonato due ragazzi - scrive Renata nel gruppo Sei di Toano se... - dicendo di essere dipendenti dell’Iren per controllare i contatori del gas (un italiano e uno di origini marocchine) io non ho aperto e loro maleducatamente se ne sono andati dopo aver insistito a spiegarmi la proposta (parlava il tipo italiano). Ho subito avvisato la nostra Caserma dove gentilmente mi hanno detto di spargere voce della cosa e di non aprire, devono verificare".

Passano le ore e, intanto, il tam tam social fa il suo corso e, tra i commenti, si leggono gli spostamenti dei due nel Comune di Toano. Il motivo della paura, anche legittimo, è dettato da casi recenti, segnalati anche da Redacon, o avvenuti a Genova, un anno fa proprio con falsi operatori di Iren.

Chiediamo informazioni e risulta che i nomi delle due persone siano, fortunatamente, regolarmente notificati, come per tutti coloro i quali intendano fare attività porta a porta, alla caserma di Toano. Tra i dubbi espressi dalla rete uno viene quindi smentito: il loro tesserino identificativo era legittimo.

Iren ricorda come riconoscere i truffatori: "Non aprite a nessuno che non abbia il cartellino identificativo e verificate sempre con il numero verde 800 969696 la presenza di dipendenti in zona". La nostra redazione ha provato ma... c'era troppo traffico telefonico.

 

 

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Ma che modo è quello di iren di mandare in giro ragazzi a chiedere di mostrare una fattura per controllare cosa non si sa. Sono passati anche da me e la richiesta mi è sembrata strana. Iren ha tutti i dati e i controlli li può fare on line. Se non erano truffatori allora erano poveri ragazzi mandati da Iren a vendere qualche contratto di luce o simili. L’approccio con il potenziale cliente suggerito a questi ragazzi è pessimo. SE FOSSE COSI sarebbe ancora peggio. Io mi aspetto un chiarimento da Iren.

    cleonice pignedoli

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48