Paes – di Alberto Bottazzi

foto di Giacomo Pisani

Paes

A to dig con e cher, on gh'è cosa pù bella che amar e proprie paes.

On ghè cosa pù bella a e mond che caminar la via trasciada da i te jenitor, i te non, la ta jenta, na via sudada, scolpida, martoriada da ricord e da pasion.

On ghè cosa pù bella che amar i te mont, o to dialet, cl'è la lingua do to sangue, la sorgente dla ta stessa esistenza, la storia dla ta terra.

On ghè cosa pù bella a e mond che arposar l'eternità vsin ai te jenitor, i te non, la ta jenta, quand la via do nostre temp, trasciada, sudada, martoriada, la fnirà la sa corsa intla scia luminosa dl'Univers.

Da: “LE ORME DEL SILENZIO”

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48