Redacon piace ai giovani: è boom di notizie e follower anche su Instagram

Pronti Instagram via. Redacon piace anche se letto… attraverso Instagram. Da un paio d’anni, infatti, Redacon aveva aperto il proprio profilo omonimo sul noto social statunitense che consente, in particolar modo, di pubblicare foto da condividere con i propri amici. Un fatto comune ad altri media, ma che, nel nostro caso, ha da alcuni mesi intrapreso una nuova e proficua direzione. Il nuovo percorso intrapreso su questo social è stato proposto dalle componenti più giovani del nostro gruppo - Beatrice Bramini, nostra coordinatrice di redazione, e Claudia Volorio, grafica che cura l’immagine coordinata del nuovo progetto editoriale della nostra cooperativa.

“Anziché rilanciare semplicemente le notizie – proposero un anno fa Volorio e Bramini alla redazione quando i follower di Redacon su Instagram erano 700 – intendiamo curare specificatamente la pubblicazione di fotonotizie su Instagram, anche con testi su immagini, dedicate”. Detto fatto. Silenziosamente e con grande impegno hanno iniziato questo percorso che, di nel concreto, completa la nostra offerta di lettura che è già molto forte su Facebook, con 10 mila ‘mi piace’.

E dopo nemmeno dodici mesi ecco che i seguaci di Redacon sul “giovane” social Instagram sono tripilicati, oltrepassando i 2100 follower.

Claudia Volorio, graphic designer della Novanta scs

“Il lavoro che abbiamo impostato su Intasgram – spiega Claudia Volorio, graphic designer – prevede che selezioniamo le notizie appositamente seguendo il trend del momento, con anche notizie più ‘leggere’ per far risaltare le bellezze della nostra montagna, sostenere le nuove attività e alle riaperture e, quindi, mostrare soprattutto il lato positivo e bello del nostro Appennino. C’è bisogno di positività e Redacon, in questo, si è sempre contraddistinta. Per quanto riguarda la veste grafica, l’organizzazione del feed armonico, utilizzando una cornice diversa a seconda del contesto”.

“Abbiamo pensato a Instagram perché è un social molto diffuso tra i giovani e la oltre la metà dei nostri lettori ha meno di 40 anni – commenta Beatrice Bramini –. Si tratta di un social immediato e cognitivamente semplice. Scorrendo nel feed sono le notizie a trovare il lettore, l'utilizzo di immagini e brevi video non occupa troppo tempo all'utente che si vuole informare senza approfondire. Instagram è pensato per un tipo di giornalismo ‘effimero’, che scompare dopo 24 ore (come per le storie), e per questo necessita di contenuti ad hoc che riescano a catturare l'attenzione del lettore abituato a scorrere velocemente e svogliatamente fra una miriade di notizie".

Beatrice Bramini, coordinatrice di redazione di Redacon

“L’offerta informativa di Redacon – conclude Gabriele Arlotti, presidente della Novanta scs – evidentemente piace. Prosegue ininterrotta dal 2004 e, nella sua neutralità, è voce autorevole riconosciuta anche dalla popolazione più giovane. Per il futuro abbiamo in cantiere un nuovo sito e una nuova App. Mentre già moltissimo riscontro al il nuovo sito web di Radionova curato da Francesco Cosmi - Officina 48”.

 

Una schermata del profilo di Redacon su Instagram

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Finalmente qualcuno si è deciso a far notare il disastro delle nostre sttrade. La Felina-Baiso è uno slalom continuo, se poi si ha la sfortuna di trovare la nebbia conviene andare a piedi.. Mi sono chiesta diverse volte come fa un ciclista e/o motociclista a percorrere una strada tanto disastrata senza cadere.
    Ho letto che il giro ciclistico di Italia 2021 dovrebbe passare su queste strade, non so se è vero o se è una feknow, ma nel csso fosse vero mi sono chiesta se gli organizzatori hanno visto le nostre strade provinciali.
    È veramente una vergogna.
    Ho avuto la fortuna di visitare tante Nazioni, anche quelle ritenute più povere e arretrate della nostra, ma strade così non le ho mai trovate.
    Speriamo che chi deve provvedere abbia la volontà di fare un giro e rendersi conto che è ora di provvvedere…
    Lilli

    Famiglia Ceci-Montermini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48