“La paura invisibile” – poesia di Dante Bortolotti

La paura invisibile
Un contatto, un respiro...canta un gallo
di ben poco si nutre la paura
è comparsa nel suo vestito giallo
dal levante....dall'immensa pianura.
Ha superato le montagne...i fiumi
un tempo si fermò sotto le mura
delle città...almeno per un pò..
poi continuò nella sua lenta corsa.
Non è la peste...neanche la "Spagnola"
così mortale un secolo fa!
sembra più che altro...una livellatrice
d'invalidi e di vecchi...và mò là!
Patetica la corsa agli alimenti
due o tre giorni di fame risparmiata
tragico alimentarne il focolare
tra le corsie di qualche ospedale!
Non siamo pronti!...ma mai lo saremo!
questa è soltanto una piccola prova,
neanche un paragone con l'oscura
Apocalisse prossima ventura!
Com'è fragile, anemica, piccina
la civiltà dei costruttori di grattacieli!
una farfalla batte l'ali in Cina
e l'ombra della morte alza i suoi veli!
Cosa faranno questi uomini forti
- con una gran paura della morte -
ora che questa li viene a scovare?
almeno un tempo usavano pregare!.
E noi che invece l'abbiam messa in conto?
son convinto...saremmo tutti eroi
per salvare quel poco di bellezza
degli altri...della loro giovinezza!
Da" La Cultura dell'Alba" inedita Diritti Riservati.
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Bellissima, vera più che mai, complimenti.

    EldaZannini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48