“Pietre dell’aia” in ricordo dei martiri di Cervarolo (video-poesia di Mario Fontanini, recita Miriam Guidetti)

Riceviamo e pubblichiamo

Cervarolo, un paesino sperduto fra i monti , i nostri monti dell’Appennino Emiliano, dove regnano il silenzio e la pace, ha conosciuto, nel lontano 20 marzo 1944, l’orrore di una strage nazi-fascista. Alla luce di un pallido sole, le case furono incendiate e poveri civili messi a morte. Tra le urla delle donne e lo sbigottimento di vecchi e di bambini , l’odio infuriò su quell’aia.

Molti poeti si sono espressi su questa terribile vicenda, riportiamo i versi di Marino Fontanini di Gazzano che ci racconta, con tanta crudezza, quella triste giornata. Il poeta chiude la sua poesia  con la  speranza che le vittime possano trovare la pace eterna e che tutti noi possiamo creare una rete d’amore che annulli l’odio.

Per non dimenticare, lanciamo un invito ai frequentatori dell’Appennino:                                                               “Fermatevi in quell’Aia, toccate quelle pietre e quella terra , sedetevi e riflettete.

La pace e il silenzio di oggi sono il frutto di un caro prezzo: nonni, padri, fratelli, si sono sacrificati per la nostra libertà.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48