“I miei giorni di canto” (poesia di Dante Bortolotti)

Che sarà'...questa strana illusione?
il pensiero che vola,
desideri e illusioni
che distruggono il tempo.
Neanche il volto conosco
di te...strana presenza
che mi mandi un amore,
tentazioni ed...assenza.
Sotto un velo nascondi
le paure dei tempi,
poi...descrivi momenti
senza età e senza storia.
La mia mano si posa
sul tuo volto indistinto,
la carezza riposa
ma...poi torna, nel vento.
Che sarà...questa voglia di notte?
per vagare tra i boschi
a cercare un rifugio
da tempeste ed angosce.
I miei giorni di canto
sono sempre più brevi,
ma c'è un mistico incanto
nei miei luoghi del sogno.
Sei con me quando vago
tra le foglie cadute di un Autunno passato
che si aggiunge ai miei anni
col suo peso dannato.
Tenerezze e pulsioni
nelle stanze del gioco,
desideri nascosti
che alimentano il fuoco.
Dante Bortolotti-
-inedita...
Diritti Riservati.
Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Un Commento

  1. Molto bella, complimenti.

    EldaZannini

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48