Unità Pastorale di Vetto: Buon compleanno, don Bogumil!

Riceviamo e pubblichiamo

Foglio d’informazione e vita cristiana della Unità Pastorale di Vetto
(Parrocchie di Cola, Crovara, Gottano, Piagnolo e Vetto)
Vetto: tel. 0522 815556 – mail: [email protected]
Parroco: don Bogumil Krankowski tel. 3395657978 mail: [email protected]

 


Domenica 18 aprile 2021
Domenica III di Pasqua  (anno B)


 

 

Riflessioni sul Vangelo
Il filo rosso che collega la prima lettura e il vangelo di questa domenica è il discorso della conversione e del perdono dei peccati.
Nella prima infatti leggiamo parte del discorso con cui Pietro proclama il ruolo messianico di Gesù davanti a quegli stessi Giudei che avevano preferito liberare un assassino al suo posto. Tuttavia questa colpa non costerà loro la condanna eterna, perché tramite la conversione del cuore potranno ricevere da Dio il perdono dei peccati, proprio nel nome di quel Cristo che avevano rinnegato. Ma Pietro da dove ha ricavato l’importanza della conversione di cui parla nel suo discorso? La risposta a questa domanda si può trovare nel vangelo.

Il brano inizia con il ritorno dei discepoli di Emmaus, che riferiscono agli apostoli riuniti in una stanza chiusa di avere «riconosciuto Gesù nello spezzare il pane»; ciò ci insegna che abbiamo bisogno degli occhi di fede per vedere Cristo nella nostra vita quotidiana.
Durante il dialogo tra i presenti, «Gesù in persona stette in mezzo»: come nel brano meditato domenica scorsa, anche ora l’uso del verbo “stare” sottolinea il forte senso spirituale della presenza di Gesù, che anche da risorto resta accanto ai suoi discepoli e cammina con loro.
Questo concetto però non era certo chiaro ai discepoli, che anzi erano «sconvolti e pieni di paura» perché «credevano di vedere un fantasma».
Va sottolineato che il concetto di “fantasma” inteso come spirito separato dal corpo apparteneva alla cultura greca e non a quella semitica; evidentemente i discepoli, seppur ebrei, erano talmente stupiti dal vedere Cristo vivo e vegeto di fronte a loro da accettare la prospettiva greca pur di spiegarsi questo fatto straordinario. Gesù dovette mostrare loro mani e piedi e perfino mangiare del pesce arrostito prima che loro lo riconoscessero come risorto e in anima e in corpo.
Questo corpo di Gesù non era un semplice corpo materiale, bensì un corpo nuovo, spirituale, che supera i limiti stessi della materia (infatti è entrato nella stanza oltrepassando i muri); e tuttavia gli permetteva di nutrirsi e di essere riconosciuto. A tal proposito, notiamo che, come nel vangelo della II domenica di Pasqua, Gesù non si presenta ai discepoli mostrando il viso (come sarebbe più spontaneo pensare), ma «mostrò loro le mani e i piedi», la sua nuova identità, i segni tangibili dell’amore di Dio per il suo popolo, tanto grande da condurlo all’estremo sacrificio.

Dopo queste prove della sua identità, Gesù insegnò loro a comprendere le Scritture (secondo una sequenza che ancora oggi seguiamo durante la messa: l’ascolto della Parola di Dio e l’omelia), aprendo la loro mente e mostrando loro in particolare come la sua morte e la sua resurrezione avesse dato compimento al progetto di Dio presentato nell’Antico Testamento.
Tuttavia, perché il compimento di Cristo sia efficace, è necessaria da parte di noi fedeli la conversione e la testimonianza di questo fatto mirabile. Accettiamo quindi di essere mani e piedi di Cristo, che vanno ad annunciare il perdono e mostrano la carità ai fratelli!


 

Settimana in Parrocchia

 

Domenica 18 aprile è il compleanno del nostro parroco
I parrocchiani dell’Unità Pastorale di Vetto porgono a Don Bogumil i più affettuosi auguri, invocando su di lui la Benedizione del Signore

 

Avvisi catechismo bambini e ragazzi
Dalla prossima settimana riprendono gli incontri di catechismo secondo quanto verrà comunicato da ogni catechista al proprio gruppo.

 

25 aprile 58° giornata mondiale di preghiera per le vocazioni

Affidiamo alla speciale intercessione di S. Giuseppe, nell’anno a lui dedicato, il cammino di tanti giovani.
- Il coraggio uno non se lo può dare - (Promessi Sposi XXV) ma lo può ricevere come un dono.
Basta aprire il cuore nella preghiera, basta sollevare un poco quella pietra posta all’imboccatura del cuore per lasciare entrare la luce di Gesù; basta invitarlo. (Papa Francesco)

 

Il Parroco don Bogumil resta a disposizione per le Confessioni:
Durate la settimana al termine della S. Messa;
Sabato mezz’ora prima della S. Messa
COLA, ogni domenica, mezz’ora prima della S. Messa
In altri momenti, previo accordo col Parroco.


 

Sante Messe e celebrazioni dell’Unità Pastorale di Vetto con intenzioni



VETTO

• Sabato 17 aprile: ore 17,00 S. Messa Def. Corsini Nina e Tosi Adolfo

• Domenica 18 aprile Domenica III di Pasqua ore 10,30 S. Messa Def. Famiglie Lorenzini e Nicolosi

• Martedì 20 aprile Memoria della B.V. del Soccorso ore 15,30 S. Messa Secondo intenzioni persona devota

• Mercoledì 21 aprile S. Anselmo, vescovo e dottore della Chiesa: ore 15,30 S. Messa

• Giovedì 22 aprile ore 15,30 S. Messa

• Venerdì 23 aprile S. Giorgio martire: ore 15,30 S. Messa

• Sabato 24 aprile S. Fedele da Sigmaringen, sacerdote e martire: ore 17,00 S. Messa

• Domenica 18 aprile Domenica IV di Pasqua ore 10,30 S. Messa

 

COLA

• Domenica 18 aprile Domenica III di Pasqua ore 9,00 S. Messa Def. Abdon, Nando e Virgilio

Domenica 25 aprile Domenica IV di Pasqua ore 9,00 S. Messa Def. Famiglia Zini Artemio


 

Unità Pastorale di Vetto
(Parrocchie di Cola, Crovara, Gottano, Piagnolo e Vetto)

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48