Torna il 41° Rally Appennino Reggiano, con importanti novità

Foto di Massimo Carpeggiani

Ad Agosto tornerà 41° Rally Appennino Reggiano, la competizione organizzata da Grassano Rally Team che rappresenterà il quarto e penultimo atto della ventesima edizione della International Rally Cup.

Anche quest'anno saranno riproposti diversi dei suoi tratti più caratteristici, ma non mancherà qualche importante novità.

Innanzitutto la data, inedita: mai l’Appennino Reggiano si è disputato nel mese di agosto.

Un’altra novità di questa nuova edizione: la bandiera a scacchi accoglierà i concorrenti a Ciano d’Enza, il paese all’ombra del Castello di Canossa diventerà infatti, quest’anno, il quartier generale del Rally Appennino Reggiano. E' qui che avranno sede direzione gara, albo di gara, e sala stampa, così come i riordini durante la competizione. Inoltre, Ciano ospiterà per la prima volta il parco assistenza, oltre alla già citata festa del podio e delle premiazioni.

La splendida Piazza della Vittoria, nel centro di Reggio Emilia,  farà da cornice alla partenza di questa quarantunesima edizione: dall’affascinante piazza sono transitate quasi tutte le edizioni del rally e così sarà anche venerdì 27 agosto, quando alle 19.30 la prima vettura entrerà nel vivo della competizione.

Lasciato il cuore della Città del Tricolore, gli equipaggi affronteranno l’unico impegno cronometrato della giornata e lo faranno in quella che costituisce la novità più significativa del percorso di gara edizione 2021: la prova speciale inaugurale sarà quella di Rossena, dieci chilometri di grande impatto agonistico ed emotivo, visto che verrà di fatto riproposta una corposa porzione della storica frazione ‘Ciano – Stella’, una delle speciali più gettonate e selettive dell’Appennino Reggiano anni Ottanta.

Sabato 28 agosto, il 41° Appennino Reggiano vivrà il clou con la disputa delle prove ‘Matilde di Canossa’ (10,5 km) e ‘Trinità’ (21,2 km), da ripetersi tre volte ciascuna; l’epilogo sarà previsto alle 19.31 dello stesso giorno, dopo che saranno stati percorsi poco meno di 369 chilometri, 105 dei quali cronometrati.

Oltre alle sfide per il successo assoluto, ad animare la competizione saranno i duelli nei vari trofei abbinati all’Appennino Reggiano: a braccetto con l’IRCup sarà previsto il Peugeot Competition 208 Rally Cup Pro, torneo dedicato alle vetture modello 208 in configurazione R2B della casa del Leone. Non meno rilevanti saranno i trofei caratteristici del rally reggiano, ovvero il Trofeo Luciano Lombardini (al miglior navigatore reggiano in classifica assoluta), il Memorial Fabrizio Tosi (all’equipaggio che farà segnare il tempo migliore sulla prova Matilde di Canossa) e il sentitissimo Memorial Alessandro Bonacini. Quest'ultimo verrà quindi assegnato all’equipaggio vincitore assoluto del 41° Rally Appennino Reggiano.

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

2 Commenti

  1. C’era una volta il rally a Castelnovo … E persa anche quest’occasione importante come trait d’union tra città e appennino.
    Oramai si può chiamare rally della collina reggiana…

    Rispondi
  2. Concordo con il commento di cui sopra mi ricordo ancora le prove di certe carabine e pontone…
    Se si chiama delle appennino reggiano forse dovrebbe tornare proprio in appennino .
    Anche per questo…….speriamo nel futuro………

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48