Home Cronaca Lo Sport Village di Casina cerca nuovo gestore dopo il fallimento

Lo Sport Village di Casina cerca nuovo gestore dopo il fallimento

3
3

La data del 15 maggio, giorno della riapertura delle piscine, si avvicina e lo Sport Village rischia di perdere un'intera stagione estiva se non trova al più presto un nuovo gestore. Il grande complesso per l'attività fisica e il divertimento di via Simonini è composto da due piscine (una delle quali per bambini), un campo da calcetto, uno da basket, due campi da tennis, spogliatoi, il bar, il ristorante e un grande parco. Le chiavi sono state riconsegnate al comune ieri, dopo che la ditta Tecton, messa in liquidazione alla fine del 2019, è fallita.

Lo Sport Village era infatti gestito dalla società omonima composta al 95% da Tecton, e al 5% da un'altra società che faceva capo all'imprenditore casinese Ercole Spaggiari, che si occupava del settore ristorazione. Alla fine di una stagione estiva 2020, che ha dato buoni risultati, i problemi nella gestione sono iniziati proprio quando Tecton è andata in crisi.

L'amministrazione ora cerca un nuovo gestore che rimetta in sesto la struttura in vista delle riaperture dopo lo stop imposto dalla pandemia. "Questa mattina - spiegava ieri il sindaco Stefano Costi - abbiamo effettuato il primo sopralluogo per verificare lo stato delle strutture e degli impianti. Fortunatamente pompe, filtri e gli altri impianti funzionano alla perfezione. Le strutture risentono, invece, dell'usura del tempo, ma sono in buone condizioni".

Ora rimangono due strade possibili: la pubblicazione di un bando per la gestione, ovviamente senza alcun onere a carico di chi manifesterà interesse; oppure tentare la strada, anche questa consentita, dell'affidamento diretto. Spiega il sindaco: "Gli uffici tecnici hanno già iniziato a preparare il bando per la gestione degli impianti, ma con l'obbligo di rispettare i tempi burocratici rischia di arrivare in porto a stagione estiva già iniziata. Certamente l'affidamento diretto è la strada più snella".

Quale che sia la strada intrapresa, l'intenzione del Comune è di riuscire a riaprire nei mesi caldi lo Sport Village, garantendo il massimo supporto a nuovi gestori, "perché per noi - conclude il sindaco Costi - si tratta di una struttura molto importante, con una forte valenza turistica e di promozione del territorio". Qualcuno interessato pare si sia già fatto avanti, si vedrà presto che futuro avrà lo Sport Village.

Articolo precedenteMini Challenge 2021: primo posto per il castelnovese Federico Casoli
Articolo successivoComune di Vezzano, il 9 maggio prenderà il via la camminata della salute

3 Commenti

  1. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

    I primi gestori ci tenevano molto e avevano valorizzato il posto con feste, eventi ecc.
    Sono stati poco considerati e “ abbandonati “ sia da chi gestiva la piscina e poi dalle precedenti amministrazioni comunali che promettevano cose mai realizzate.
    Peccato. Un vero peccato!

  2. Il titolo mi sembra si presti a interpretazioni diverse dalla realtà. A fallire è stata la Tecton non lo Sport Village o l’attuale gestore, pardon il gestore “fino a ieri”
    Non dimentichiamo che lo Sport Village è stato una bella opportunità di benessere per i Casinesi e i montanari e una delle maggiori attrazioni turistiche di Casina. Fino al 2020?
    (Una di Casina)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.