L’Istituto Comprensivo di Castelnovo ne’ Monti intitola le borse di studio alla professoressa Alexia Silvetti

Riceviamo e pubblichiamo

Nel tardo pomeriggio di una giornata di primavera ci siamo ritrovati nel cortile della scuola per ricordarti e lo abbiamo fatto nel modo migliore, quello che ti avrebbe reso più felice.

Come se, di felicità, dove sei adesso, tu avessi ancora bisogno.

Sì, un’amica ha suggerito di dedicarti una cosa bellissima: una borsa di studio.

Un premio da consegnare agli alunni che si sono distinti per serietà, caparbietà, determinazione, voglia di crescere e di migliorare…. speranza di futuro.

C’erano tante persone di scuola, come la sera che te ne sei andata e hai intrapreso il tuo viaggio, da sola.

La dirigente ti ha ricordata, dal momento in cui ti ha conosciuta, e ha detto di essere sempre rimasta colpita dalla tua passione e dalla tua seria dedizione all’insegnamento. Ha confessato di aver sempre continuato ad avere grande stima del tuo modo di essere insegnante, della tua visione della scuola e dei ragazzi. Colpita dal tuo stile, dal tuo mettere sempre davanti gli altri, dal tuo preoccuparti per gli altri, si è spinta a dichiarare di sentirti ancora presente, non lontana, ancora accanto alle persone che hai amato.

Neanche a farlo apposta, le coordinatrici delle terze hanno scelto cinque ragazze, cinque piccole donne, cinque ambasciatrici della scuola migliore, quella che riesce a vedere i progressi, i percorsi faticosi ma gravidi di promesse, e premia  con un lieto evento: ‘borsa di studio prof. Alexia Silvetti’.

Un tuo caro amico insegnante, a nome di tutti, ha ricordato le tue lezioni ‘ dove nulla era lasciato al caso, ma preparato in modo preciso e meticoloso’ perché eri convinta che solo con la passione e l’amore per l’insegnamento si potevano coinvolgere gli alunni. E ci ha ricordato la gentilezza con la quale ti rivolgevi a loro, e a quelli che tra loro erano i più fragili, li stimavi, ne avevi fiducia, li capivi e non li giudicavi. Così creavi un clima sereno, empatico e di vero apprendimento.

Dopo aver letto le motivazioni che hanno guidato la scelta di queste alunne meritevoli, tuo fratello Nicola ha voluto fare ancora qualcosa per te, al posto tuo. Ha spronato queste ragazzine a dare il meglio, a diventare speciali, come lo eri tu. E ha detto: ‘ Mia sorella è diventata speciale perché non si nasce speciali ma si diventa, con il nostro impegno e con la volontà. Anche voi potete diventare speciali se userete il vostro sapere a favore di una società migliore, se non penserete ad avere ma ad essere e se riuscirete ad essere felici anche nella sofferenza’.

Nicola ha ricordato un proverbio arabo che recita: ‘Quando nascesti, tutti erano contenti e tu piangevi. Vivi in modo che quando morirai tutti piangano e tu sia felice’.

Giusy Gentili  ha poi consegnato a tua figlia, a tua madre e a tua sorella dei fiori meravigliosi. La loro bellezza ti ha reso presente alla cerimonia.

Al termine ci siamo fermati per salutarci e una docente, tua amica, commossa, ci ha confessato che ti pensa spesso per trarre ispirazione da te, unica nel tuo modo di essere, così versatile e creativa.

In questo modo, con questi gesti, rimani in vita, nella vita che conta, la vita che sorride ai giovani e li sprona ad andare avanti con impegno e con desiderio di cose buone.

Grazie ancora Ale.

I tuoi colleghi

 

Agenzia Redacon ©
E' vietata la riproduzione totale o parziale e la distribuzione con qualsiasi mezzo delle notizie di REDACON, salvo espliciti e specifici accordi in materia e con citazione della fonte. Violazioni saranno perseguite ai sensi della legge sul diritto d’autore.

4 Commenti

  1. la bellezza rimane per sempre…grazie Ale..

    Rispondi
  2. Grazie per queste parole che mantengono vivo il tuo ricordo come non mai..ci manchi ogni giorno di più..

    Rispondi
  3. Ci manchi tanto Ale, ma rimani vivissima nei nostri cuori. Grazie per aver camminato con noi.

    Rispondi
  4. Cara Ale
    è stato davvero bello poterti ricordare tramite l’intitolazione una Borsa di Studio.
    E’ stato un momento denso di commozione ma anche molto gioioso perché Tu eri piena di gioia di vivere, di coraggio, di determinazione, ma anche di pazienza e di attenzione per gli altri, per i tuoi Studenti.
    Tutto questo è emerso una volta di più dalle parole delicate e amorevoli che Ti hanno rivolto i Tuoi Colleghi e da tutto quello che Nicola ha raccontato di Te.
    Noi avremmo desiderato continuare insieme quel cammino che solo da qualche anno ci aveva permesso di conoscerti davvero e apprezzarti appieno per la tua bellezza, anche quella interiore, e per la tua forza d’animo.
    Siamo certe che questa intitolazione sia stata solo un altro piccolo “segno” di tutto il bene che hai lasciato dietro di Te e che da lassù il tuo bel sorriso abbia accompagnato le 5 formidabili ragazze che sono state premiate; il Tuo esempio possa essere per loro uno stimolo positivo e una speranza per il futuro.
    Le Tue “Galline”

    Rispondi

Lascia un Commento

Se sei registrato puoi accedere con il tuo utente e la tua password. Se vuoi registrarti al sito clicca qui.

Altrimenti lascia un commento utilizzando il form sottostante.

Privacy Policy

Powered by WordPress | Officina48